Tracciare Pacco Shein: FAQ e Risposte sui Pacchi in Transito Shein

Le risposte alle FAQ sui Pacchi in Transito Shein

Shein è uno degli store di fast fashion più famosi del mondo. Dalla sua nascita, nel 2008, ha vissuto una crescita continua che ne ha fatto uno dei principali rivenditori, produttori e distributori di capi e accessori di moda a prezzo contenuto.

Sebbene negli anni abbia abbracciato una politica di temporary store fisici, Shein opera quasi esclusivamente online. Per questo motivo, modalità, tempi e sicurezza della spedizione rivestono un ruolo fondamentale nel suo successo, contribuendo in maniera determinante alla fedeltà dei suoi moltissimi acquirenti. Abbiamo descritto in un precedente articolo come funziona il tracking di Shein. Ora facciamo chiarezza sulle domande più frequenti in merito.

Spedito dal deposito di invio Shein: cosa vuol dire?

L'evasione di un ordine Shein comincia con il confezionamento del pacco presso uno dei suoi magazzini internazionali. Il principale si trova nella città di Nanchino, ma sul territorio cinese sono presenti ormai numerosi warehouse, come quello storico di Guangzhou. Negli ultimi anni, sono stati aperti depositi in Paesi esteri, per velocizzare e ottimizzare i tempi di consegna. Tutti questi magazzini prendono il nome di International Warehouse e vengono utilizzati secondo i criteri di:

  • » disponibilità della merce richiesta;
  • » prossimità all'indirizzo di consegna.

Ricevuto l'ordine e confezionata la spedizione, il pacco comincia il suo percorso verso l'utente finale. Il primo passaggio lo vede lasciare il deposito di invio Shein, cioè il magazzino nel quale è stato effettuato il confezionamento. L'applicativo di tracking di Shein passa, quindi, lo stato da 'Awaiting Shipment' al rassicurante 'has left the warehouse', che indica che l'ordine è andato a buon fine e che il pacco è partito senza problemi.

Inviato da ordinamento centro Shein: cosa vuol dire?

Una volta che il pacco è stato confezionato nel Warehouse Internazionale, esso viene inviato al centro di smistamento più vicino al mittente, dove il corriere lo controlla, lo prende in carico e ne organizza il trasporto verso l'aeroporto di partenza, di solito l'hub di Hong Kong per spedizioni dalla Cina, oppure l'aeroporto più vicino al magazzino specifico, per spedizioni da warehouse presenti in altre nazioni.

Il tracking indica a questo punto che il pacco è nelle mani del corriere e che ha cominciato la fase di transito che lo porterà alla consegna.

Sorgente ramo Shein: dove si trova?

Questa dicitura (in inglese source branch) è utilizzata all'interno del sistema di tracciamento delle spedizioni per indicare il punto di collezionamento del pacco, cioè il luogo in cui la spedizione è stata collezionata dal corriere incaricato della consegna. Poiché Shein ha diversi magazzini in tutto il mondo, il source branch indica il centro di distribuzione del corriere più vicino all'International Warehouse Shein da cui è partito l'ordine.

HKG aeroporto di partenza Shein: che significa?

HKG è la sigla internazionale che identifica l'aeroporto di Hong Kong. Poiché la quasi totalità delle spedizioni partono dalla Cina per raggiungere più di 80 Paesi nel mondo, l'enorme scalo della metropoli costituisce il principale hub per le spedizioni Shein. Lo stato HGK aeroporto di partenza significa che il pacco è pronto a spiccare il volo e cominciare il suo transito verso l'indirizzo di consegna.

ASB transito aeroporto arrivo Shein: che significa?

ASB transito aeroporto arrivo Shein indica che il pacco è in transito presso uno scalo intermedio, da cui ripartirà per raggiungere l'aeroporto più vicino all'indirizzo di consegna. Nel caso specifico, ASB indica l'aeroporto internazionale di Ashgabat (Turkmenistan) e quindi il pacco si trova in transito presso la capitale turcomanna, pronto a ripartire verso l'aeroporto di destinazione e quindi il centro di smistamento locale del corriere. Questa dicitura viene utilizzata nel sistema di tracciamento delle spedizioni per indicare la posizione raggiunta dal pacco durante il suo viaggio verso il destinatario finale.

Destinazione aeroporto di arrivo Shein: cosa vuol dire?

Nell'applicativo di tracking di Shein, questa dicitura indica che il pacco ha raggiunto l'aeroporto di arrivo, cioè quello più vicino all'indirizzo di consegna, e che è pronto per essere preso in carico dal sistema di distribuzione locale del corriere, fino al recapito presso l'indirizzo di destinazione.

Sorting center Shein: cosa significa?

Questa espressione indica i centri di smistamento internazionali (sorting center) che, a valle del superamento della dogana:

  • » agiscono da punti di raccolta delle spedizioni massive (più pacchi in un singolo imballaggio);
  • » ripartiscono le confezioni attraverso un sistema automatizzato (il sorter), che riconosce e indirizza le singole scatole o buste a partire dal codice a barre.

Quando un pacco acquistato sullo store viene spedito, passa infatti attraverso diversi passaggi logistici mirati a ottimizzarne il trasporto. Il più importante è l'accorpamento, all'interno di un unico collo, di spedizioni con destinazioni limitrofe. Il sorting center identifica il luogo dove i colli vengono disimballati e le singole spedizioni preparate per la consegna finale. In questo centro, i pacchi vengono classificati in base alla destinazione e alle modalità di recapito pianificate.

Una volta che il pacco lascia il sorting center, viene inoltrato al servizio di consegna finale per la distribuzione al destinatario.

Adottato at target branch: che significa?

Quando un pacco viene consegnato con successo presso il centro di smistamento più prossimo al destinatario, il sistema di tracciamento della spedizione lo indica come adottato presso il ramo di destinazione (adopted at target branch). Questo significa che il pacco è stato ricevuto, registrato e riconosciuto dalla filiale locale del corriere come presente nel suo inventario.

L'espressione adopted at target branch si riferisce, quindi, alla presa in carico del pacco da parte del centro di smistamento specifico più prossimo al luogo di consegna. In questo modo, i clienti che monitorano lo stato della spedizione possono vedere che il pacco è stato consegnato correttamente presso la filiale di destinazione e che è pronto per ulteriori elaborazioni, come la consegna finale al destinatario.

Il pacco è in transito accelerato Shein: cosa vuol dire?

ll transito accelerato indica una modalità di spedizione dai tempi di consegna molto contratti, frutto di:

  • » una meticolosa pianificazione degli stati di attraversamento;
  • » ottimizzazione delle tempistiche.

Di solito ciò implica anche una movimentazione estesa H24 - 7/7. Per garantire che i tempi siano rispettati, il corriere deve avere grande esperienza e mezzi adatti. Di solito ciò si traduce in reti dedicate e risorse destinate esclusivamente alla spedizione accelerata, in grado di garantire il transito efficiente dei pacchi.

In pratica cosa succede? Il pacco inviato con transito accelerato entra in una corsia preferenziale, che ne garantisce il trattamento prioritario. Di solito, ciò significa la contrazione di alcuni dei processi standard di smistamento e distribuzione. Questo percorso diretto riduce al minimo le fermate e le movimentazioni non necessarie, riducendo il rischio di ritardi.

Anche il processo di transito accelerato viene monitorato attraverso l'applicativo di tracking, che diventa ancora più strategico, in quanto i continui aggiornamenti permettono di verificare la posizione esatta della spedizione, il rispetto dei tempi e la possibilità di organizzare la propria reperibilità su un orario preciso di consegna.

INFORMAZIONI UTILI

Le risposte alle FAQ sui Pacchi in Transito SheinShein è uno degli store di fast fashion più famosi del mondo. Dalla sua nascita, nel 2008, ha vissuto una crescita continua che ne ha fatto uno dei priMaggiori informazioni

Tracking Fedex Nazionale e Internazionale : La Guida Completa

Quando si affida una spedizione a un corriere, uno dei servizi più importanti e più utilizzati è il tracking, cioè la possibilità di seguire in tempo reale il percorso del pacco per verificarne la posizione e i tempi di consegna.

Tracking Fedex: Come Tracciare il tuo Pacco Fedex

FedEx mette a disposizione una procedura di monitoraggio molto intuitiva che prevede l'esecuzione di pochi, semplici passi direttamente sul sito web o sull'app mobile della compagnia:

  • » individuare il Numero di Tracciamento associato alla spedizione: solitamente è fornito dal mittente o è presente sulla ricevuta rilasciata da FedEx. Rappresenta la chiave univoca della spedizione;
  • » collegarsi al Sito Web o all'app di FedEx: nella Sezione Tracking, inserire il numero di tracciamento, quindi fare clic sul pulsante Traccia o Cerca per avviare la ricerca;
  • » visualizzare lo Stato della Spedizione: la pagina web mostrerà lo stato attuale della spedizione del pacchetto FedEx, insieme alle informazioni dettagliate sul suo percorso e sulla consegna prevista.

Tracciare pacco Fedex: quali sono le fasi di consegna di un pacco Fedex?

Gli stadi di consegna di un pacco FedEx possono variare a seconda del tipo di servizio selezionato e delle specifiche dell'invio. Tuttavia, in generale, le fasi comuni di consegna includono:

  • » Ritiro: recupero presso la posizione del mittente o in un punto di ritiro designato, a seconda del servizio contrattualizzato.
  • » Trasporto Iniziale: consegna al centro di smistamento più vicino, attraverso la rete di trasporto di FedEx.
  • » Smistamento: classificazione in base alla destinazione finale, con applicazione di etichette di smistamento e pianificazione delle rotte di consegna.
  • » Trasporto Secondario: trasporto al centro di smistamento più vicino alla destinazione finale.
  • » Trasporto Locale: trasferimento al veicolo di consegna che si occuperà dell'ultima tratta del percorso.
  • » Consegna al Destinatario: recapito al destinatario, presso l'indirizzo specificato.
  • » Firma e Ricezione: conferma da parte del destinatario della ricezione del pacco, in accordo con le impostazioni e le richieste specifiche del mittente.
  • » Aggiornamento del Tracking: le informazioni sulla consegna, compresa la firma del destinatario, vengono inserite nel sistema di tracciamento online di FedEx.

Tracking Fedex Internazionale: Come Funziona?

Il tracking FedEx internazionale funziona in modo simile al processo di tracciamento nazionale, ma coinvolge ulteriori fasi a causa dei controlli doganali alle frontiere:

  • » Ritiro Internazionale: il pacco viene prelevato presso la posizione del mittente oppure in un punto di ritiro designato.
  • » Trasporto Internazionale: questa fase utilizza la rete internazionale di FedEx e coinvolge sia centri di smistamento, sia mezzi di trasporto internazionali come aerei e navi.
  • » Sdoganamento: uno dei passaggi critici nel tracking FedEx internazionale. Il pacco è soggetto a controlli doganali e possono essere applicate le tasse e i dazi doganali. Questo processo può richiedere del tempo, e le informazioni di tracciamento possono subire brevi interruzioni.
  • » Consegna Locale: trasferimento al centro di smistamento locale nella destinazione finale. Da qui, il processo di consegna locale è simile a quello di una spedizione nazionale.
  • » Consegna al Destinatario: il corriere FedEx internazionale recapita il pacco all'indirizzo specificato.
  • » Firma e Ricezione: il destinatario può essere tenuto a firmare per confermare la ricezione del pacco.
  • » Aggiornamento del Tracking: le informazioni sulla consegna, inclusi eventuali aggiornamenti relativi allo sdoganamento, vengono inserite nel sistema di tracciamento online.

È importante notare che:

  • » i tempi di consegna possono variare considerevolmente a seconda della destinazione, delle procedure doganali e della modalità di spedizione selezionata;
  • » il numero di tracciamento rimane comunque la chiave che consente al mittente e al destinatario di monitorare il progresso del pacco in tempo reale.

Tempi di Consegna Fedex: quanto tempo occorre per ricevere un pacco Fedex in Italia e un pacco Fedex International Priority?

FedEx offre una gamma di servizi con tempi di consegna diversi per adattarsi alle esigenze specifiche delle spedizioni.

  • » Per le spedizioni nazionali, i tempi di consegna standard possono variare da 1 a 5 giorni lavorativi, considerando la distanza e il servizio selezionato.
  • » Per le spedizioni internazionali, FedEx International Priority è uno dei servizi più veloci, offrendo tempi di consegna che variano da 1 a 3 giorni lavorativi e per colli di peso inferiore a 68 kg.

È importante notare che i tempi di consegna effettivi possono dipendere dalla destinazione specifica, dalle pratiche doganali e da eventuali circostanze eccezionali. Per ottenere informazioni dettagliate è sempre consigliabile consultare il sito web di FedEx o contattare direttamente il servizio clienti.

Dove trovo il numero di tracking Fedex?

Il numero di tracking FedEx è un codice alfanumerico univoco associato alla spedizione, che consente di monitorare lo stato e la posizione del pacco durante il trasporto. Esso è reperibile in diversi modi, per esempio controllando i seguenti supporti:

  • » ricevuta di spedizione;
  • » email di conferma del servizio online di pianificazione e pagamento della spedizione;
  • » dettagli di spedizione riportati nell'account online, qualora si sia registrati su FedEx.com o su un'applicazione mobile di FedEx;
  • » etichetta applicata al pacco consegnato.

In alternativa, si può effettuare una chiamata al Servizio Clienti, condividendo i dettagli della spedizione.

Una volta ottenuto il numero di tracking, lo si inserisce sul sito web ufficiale di FedEx nella sezione Traccia Shipment per monitorare lo stato della spedizione in tempo reale.

Non riesco a tracciare un pacco Fedex, cosa posso fare?

Di solito non ci sono difficoltà nel tracciare un pacco FedEx, se però non si riuscisse a monitorare la propria spedizione, si possono intraprendere le azioni seguenti:

  • » accertare il Numero di Tracking: assicurarsi di aver inserito correttamente il numero di tracking sul sito ufficiale di FedEx. Anche un piccolo errore potrebbe impedire il corretto tracciamento;
  • » verificare il Tempo Trascorso dalla Spedizione: la disponibilità delle informazioni di tracciamento non è immediata, potrebbe essere necessario un po' di tempo;
  • » controllare la Ricevuta o l'Email di Conferma: verificare sulla ricevuta di spedizione o sull'email di conferma che il numero di tracking associato sia corretto;
  • » verificare lo Stato del Servizio di Tracciamento: occasionalmente, potrebbe verificarsi un'interruzione temporanea nel servizio di tracciamento di FedEx. Controllare eventuali comunicati di problemi tecnici sul sito ufficiale;
  • » controllare la Scadenza del Numero di Tracking: i codici hanno una validità temporale, quindi assicurarsi che il periodo di tracciamento non sia scaduto;
  • » contattare il Servizio Clienti di FedEx: fornire al servizio clienti FedEx il numero di tracking per ottenere assistenza o risolvere eventuali problemi.

Ricordare che la disponibilità delle informazioni di tracciamento può variare in base al tipo di servizio FedEx utilizzato e alle caratteristiche della spedizione.

INFORMAZIONI UTILI

Quando si affida una spedizione a un corriere, uno dei servizi più importanti e più utilizzati è il tracking, cioè la possibilità di seguire in tempo reale il percorso del pacco per verificarne la posMaggiori informazioni

Pacco sdoganato con Shein : Tutto quello che devi sapere

Dogana Shein

Il blocco alla dogana di prodotti acquistati online da uno store extra UE costituisce un incubo per tutti gli acquirenti, perché si teme di non riuscire a muoversi all'interno della macchina burocratica e di perdere sia ciò che si stava attendendo, sia i soldi spesi per comprarlo.

In realtà non è così, o perlomeno non dovrebbe esserlo. Ci sono diverse strade per recuperare i propri beni e alcune tecniche per determinare l'importo da pagare per lo sdoganamento e valutarne la convenienza.

Dogana Shein: tutto quello che devi sapere

Shein è un noto rivenditore online di abbigliamento e accessori di moda. Lo store ha sede e magazzini in Cina, e da lì viene spedita la maggior parte dei prodotti.

Quando si effettuano acquisti da un rivenditore internazionale non appartenente all'area UE, bisogna prima di tutto controllare se siano stati sottoscritti degli accordi bilaterali diretti (con gli USA ci sono delle semplificazioni). Nel caso della Cina non sono attivi accordi specifici, quindi cosa succede quando effettuiamo un ordine su Shein e viene fermato alla dogana? Dovremo sostenere delle spese? Ci verranno rimborsate?

Come facilmente immaginabile, le leggi doganali non sono le stesse da Paese a Paese, dipendendo dalle politiche e regolamentazioni individuali. In generale, se il nostro pacco proveniente dalla Cina viene fermato alla dogana e trattenuto, per riscattarlo dovremo tener conto di 3 diversi contributi economici: i dazi doganali, le tasse (IVA) e le eventuali spese amministrative.

Calcolo delle spese doganali e IVA Shein: esempi pratici

L'Italia non addebita spese doganali dalla Cina solo per spedizioni di valore inferiore a 23€. Sotto questa soglia si azzerano sia il dazio che l'IVA. Se invece il valore dei prodotti acquistati supera i 23€, ma rimane sotto i 150€ si paga solo l'Iva. Al di sopra di questo importo, vengono applicati dei dazi doganali, calcolabili sul sito dell'Agenzia delle Dogane a partire dal valore della spedizione. Possono essere addebitati, come spese amministrative, anche i costi di sdoganamento del corriere.

Non ci sono alternative? Non esiste un modo per superare con il minor onere possibile il passaggio in dogana? Sì, ci sono alcune vie, perfettamente legali, che gli store extra-europei utilizzano per evitare i blocchi doganali:

  • » suddividere l'ordine su spedizioni diverse, ognuna di esse inferiore a 23€;
  • » inviare la spedizione verso paesi europei amici, come il Belgio e l'Olanda, che perseguono una politica di azzeramento delle spese doganali e quindi agiscono da hub verso gli altri paesi europei;
  • » utilizzare un accordo doganale sulle spedizioni Express, che infatti di solito non risentono del blocco.

Bisogna dire che in generale le spedizioni Shein non presentano problemi, ma ci sono state e continuano comunque a esserci situazioni in cui il pacco rimane bloccato.

Se comunque il nostro caso non rientrasse tra i precedenti, le spese che dobbiamo considerare sono:

  • » Dazi doganali: tasse che vengono applicate sul valore dichiarato (valore di transizione= valore del bene + le spese di trasporto + eventuali spese assicurative) dei prodotti importati. La percentuale varia da paese a paese e da prodotto a prodotto. Come trovare questa percentuale, calcolata a partire dal codice TARIC (Tariff Integrated of the European Community)? Sul sito ufficiale della dogana italiana sono presenti i codici taric relativi ai diversi prodotti, ma trovare la percentuale relativa al nostro caso specifico può non essere immediato.
  • » Tasse sul valore aggiunto (IVA): alcuni paesi applicano l'IVA sul valore dei prodotti importati. L'aliquota IVA varia da paese a paese e solitamente viene calcolata sul valore dei beni, inclusi i dazi doganali. Ad esempio, se l'aliquota IVA, come in Italia, è del 22% e il valore complessivo dei prodotti Shein è di €100, dovremmo pagare €22 di IVA.
  • » Spese amministrative: in alcuni casi, potrebbe essere applicata una spesa amministrativa per coprire i costi di elaborazione della merce da parte dell'agenzia doganale del nostro paese. Questa spesa può variare e dipende dalle politiche doganali locali.

Sdoganamento Shein: cosa fare se il pacco è fermo in dogana

Per sbloccare un pacco in dogana i passi da compiere sono:

  • » Verificare lo stato del pacco Shein: utilizzare il sistema di tracciamento del corriere per essere sempre informati sulla posizione del pacco e su eventuali blocchi doganali;
  • » Tenere a disposizione la documentazione dell'ordine: assicurarsi di avere tutti i documenti che possono essere richiesti dalle autorità doganali (fattura, ordine) per rilasciare il pacco;
  • » Contattare l'agenzia doganale: utilizzare i riferimenti presenti sul sito web ufficiale dell'Agenzia Doganale. Spiegare la situazione e chiedere assistenza per procedere allo sblocco del pacco;
  • » Fornire la documentazione richiesta, utilizzando i canali che verranno indicati;
  • » Pagare eventuali spese o dazi doganali: nel caso di fossero tasse applicabili, seguire le indicazioni per effettuare il pagamento;
  • » Completare il processo di sdoganamento: potrebbero essere necessarie altre informazioni.

A questo punto il pacco Shein può riprendere il suo cammino verso la sua destinazione.

Rimborso delle spese doganali Shein: è possibile e in quali casi?

Ma perché tutto questo iter lo dobbiamo seguire noi? Non può farlo Shein? Purtroppo no. Il colosso dell'abbigliamento low cost cinese non addebita la dogana, poiché il processo è fuori del suo controllo, dipendendo dai Paesi di destinazione.

Il venditore prova effettivamente a percorrere le strade alternative che potrebbero evitare problemi doganali, ma se questi si presentano, sta al destinatario della spedizione risolverli. È previsto un rimborso? Dal sito ufficiale, se il pacco è conservato in dogana, Shein offre due opzioni.

- Casi in cui si decida di non riscattare il pacco

Se la tassa doganale per lo svincolo della merce supera la metà del costo dell’ordine, l'acquisto potrebbe rivelarsi poco conveniente e Shein consiglia di non pagarla. Il pacco verrà restituito a Shein Warehouse.

Per ottenere il rimborso si deve contattare lo store, riportando, nel campo delle informazioni logistiche, Pacco Restituito. Il valore dell'ordine verrà rimborsato su uno dei metodi di pagamento (carta o portafoglio Shein).

- Casi in cui si decida di riscattare il pacco

Cenni a questo rimborso parziale non si ritrovano tra le numerosissime esperienze riportate on line dai clienti di Shein, quindi si consiglia di attenersi a quanto riportato nel sito ufficiale.

Alcuni blogger riportano che lo store rimborsa parte delle spese di sdoganamento. Si deve inviare un messaggio a Shein spiegando la situazione e allegare una foto della fattura, insieme al pagamento.

Secondo la politica di Shein, i clienti sono responsabili del pagamento dei dazi doganali, come riportato nella sezione termini e condizioni della pagina web ufficiale. In questa stessa sezione è scritto esplicitamente che Shein non effettuerà pagamenti per i dazi doganali o rimborsi per gli stessi.

INFORMAZIONI UTILI

Dogana SheinIl blocco alla dogana di prodotti acquistati online da uno store extra UE costituisce un incubo per tutti gli acquirenti, perché si teme di non riuscire a muoversi all'interno della macchiMaggiori informazioni

Sdoganamento Amazon e Spese Doganali : Tutto quello che devi sapere

Se sei alle prese con gli acquisti su Amazon, ti sarai reso conto che in alcuni casi sono previsti i costi di sdoganamento. Qualora tu stia usando la famosa piattaforma e-commerce, sai di dover fare i conti con la politica dei dazi legata agli scambi tra Paesi extra UE. Il portale mette a disposizione della clientela una stima di dazi doganali, commissioni e tasse, che costituiscono i costi d'importazione. Tale calcolo viene visualizzato durante le procedure d'acquisto e permette all'utente di conoscere le somme da versare per lo sdoganamento dell'oggetto comprato se proviene dall'estero, ovvero da nazioni fuori dall'Unione Europea. Per gli utenti italiani di Amazon, ciò accade se si ricorre alla compravendita attraverso Amazon Global e Amazon Global Store. Infatti, con una certa frequenza, sul popolare sito si trovano articoli offerti da venditori terzi che spediscono tramite la logistica di Amazon del Regno Unito. Se la merce proviene da tale Paese o da altri fuori dai confini dell'Unione Europea può essere applicato un deposito riferito ai costi d'importazione e delle relative tasse, come l'Iva.

Sdoganamento Amazon: come funziona?

- Spese Doganali Amazon per acquisti effettuati su Amazon al di fuori dell'UE (Amazon Global, Venditori Terzi extra UE, Amazon.co.uk, Amazon USA...)

La piattaforma di e-commerce mette a disposizione un sito italiano, all'interno del quale sono presenti prodotti di venditori di tutto il mondo. Hai la possibilità di comprare un oggetto che ti viene spedito da Regno Unito, Stati Uniti d'America o altri Paesi non aderenti all'Unione Europea. In questi casi, quando visualizzi il prezzo con le ulteriori spese connesse all'invio trovi il calcolo dei costi di importazione. Amazon Global, che include gli store collocati nei vari Stati, provvede ad addebitare all'acquirente, come previsto dalle regole doganali, i costi da sostenere per lo sdoganamento. Gli articoli provenienti da aree esterne all'UE subiscono un aumento di spesa, perché al prezzo e ai costi di spedizione si aggiungono i dazi e tutte le spese previste per lo sdoganamento Amazon.

Il cliente fornisce quindi il permesso ad Amazon di usare i fondi per i pagamenti richiesti dalle autorità per conto del destinatario della merce. Quando compri un prodotto e lo fai entrare in Italia, così come accade per altri Paesi, diventi un importatore agli occhi della legge e ti devi fare carico di tutti i costi: dazi, commissioni d'importazione e Iva. Amazon ti comunica una stima complessiva, che varia a seconda del metodo di spedizione che hai scelto. Le spese effettive da sostenere possono cambiare non solo in considerazione del trasporto, ma anche delle aliquote doganali e fiscali alla data dell'importazione e alla classificazione dei prodotti.

Le tasse e i dazi sono regolati dalla normativa doganale della nazione di destinazione del pacco. Le percentuali dell'Iva e delle varie commissioni si calcolano sul prezzo del bene e sui costi di spedizione, senza tenere conto di eventuali sconti e promozioni. Tali elementi costituiscono i parametri necessari al calcolo esatto del valore delle merci introdotte nel Paese. A eseguirli sono le autorità al momento del controllo negli uffici della Dogana. Amazon può solo fare un conto approssimativo all'atto della vendita ai consumatori.

  • » Qualora la stima fatta dal portale sia più bassa rispetto alla spesa reale, non devi pagare la differenza, se ne fa carico Amazon insieme al venditore.
  • » Al contrario, se i costi effettivi fossero più bassi, hai diritto al rimborso delle spese di importazione, ovvero alla differenza pagata in eccesso con la conferma dell'ordine. Il denaro, in questi casi, viene accreditato al metodo di pagamento utilizzato per comprare l'articolo. Ricevi un'e-mail con un'apposita notifica con l'importo restituito.

L'elaborazione del conto avviene successivamente alla ricezione delle fatture del corriere, che sono la conferma dei costi doganali effettivi. Se lo spedizioniere non recapita ad Amazon la documentazione entro 180 giorni dall'invio, il colosso del commercio elettronico provvede a rimborsare l'intera somma del deposito delle spese di importazione che hai pagato.

- Spese Doganali Amazon per acquisti effettuati su Amazon.it e spediti in un Paese extra UE

Se usi il sito Amazon.it ma richiedi la consegna in un Paese al di fuori dell’Unione Europea, per la legge diventi un importatore e devi adeguarti a quanto prescritto dalle norme della nazione di destinazione della merce. A tal proposito, oltre a focalizzarti sulle spese da sostenere, devi assicurarti che lo Stato in cui arriverà l'articolo consenta l'ingresso del tipo di prodotto. Gli uffici della Dogana hanno il diritto di chiedere un numero di identificazione del destinatario del collo per consentire la consegna e quindi per far proseguire il trasporto sul territorio di competenza. Tu e il destinatario, qualora sia diverso da te, siete tenuti ad adempiere a ogni istanza delle autorità.

  • » Devi sempre indicare il valore del prodotto. In questo caso, si tratta di sommare il prezzo di acquisto su Amazon alle spese di spedizione.
  • » Inoltre, devi descrivere il contenuto del pacco, anche perché la determinazione di dazi e tasse è in relazione alla categoria merceologica, oltre che al valore.
  • » invia ad Amazon gli estremi del tuo documento d'identità perché li riporti nella relativa modulistica per i controlli durante lo sdoganamento.
  • » A esibire i documenti doganali richiesti ci pensa lo spedizioniere, che è responsabile della merce durante tutte le fasi di trasporto.
  • » I doganieri, se lo ritengono utile e necessario, hanno la facoltà di aprire la scatola e verificare ciò che contiene. Tale diritto, stabilito dalla legge, è indipendente dalla volontà di Amazon e del corriere.
  • » Se la spedizione contiene un regalo, va dichiarato insieme a tutte le altre informazioni. Infatti, in alcuni Stati, i doni di valore contenuto sono esenti da qualsiasi costo di sdoganamento.

Sdoganamento Amazon: cosa fare se il pacco è in fase di sdoganamento?

Può accadere che il pacco resti per lungo tempo fermo negli uffici doganali. Non c'è motivo di agitarsi, spesso i controlli richiedono giorni e ci sono sempre alcuni arretrati. In caso di dubbi, puoi rivolgerti direttamente allo spedizioniere, che è in grado di fornirti tutti i ragguagli del caso e soprattutto di aggiornarti sullo stato dello sdoganamento.

Evita di contattare le autorità perché non sono autorizzate a darti indicazioni. Per prevenire disguidi, accertati di aver comunicato ad Amazon tutti i dati corretti, in modo che all'occorrenza gli addetti possano identificare te e, se diverso, il destinatario. Il corriere è responsabile di fronte ai funzionari della Dogana, tuttavia le irregolarità vengono imputate a chi manda o riceve il bene.

INFORMAZIONI UTILI SUI MARKETPLACE

Se sei alle prese con gli acquisti su Amazon, ti sarai reso conto che in alcuni casi sono previsti i costi di sdoganamento. Qualora tu stia usando la famosa piattaforma e-commerce, sai di dover fare iMaggiori informazioni

Resi Zalando: La Guida completa di Packlink

Come si effettua un reso con Zalando? Zalando è un vero punto di riferimento per quel che riguarda l'acquisto di abbigliamento online, in Italia come in molte altre nazioni europee, di conseguenza le persone che si pongono questa domanda sono tantissime. In quest'articolo scopriremo tutto ciò che è utile sapere a riguardo.

Reso Zalando: come restituire un pacco Zalando

Restituire un pacco Zalando è davvero semplice: questo popolare e-commerce ha previsto infatti una procedura molto rapida che consente di esercitare questo diritto senza incombenze e perdite di tempo.

  • » Quando si riceve la merce ordinata, se per una qualsiasi ragione la si volesse restituire non bisogna fare altro che collegarsi alla propria area personale del sito ufficiale cliccando su "Effettua un reso".
  • » Nella pagina compariranno tutti gli articoli che è possibile restituire; è interessante sottolineare che Zalando consente di effettuare un reso entro ben 100 giorni dalla ricezione della merce, di conseguenza in questa pagina si troveranno tutti gli articoli che sono stati acquistati entro questo lasso temporale, non soltanto, dunque, quelli dell'ordine più recente.
  • » In questa pagina si dovranno poi selezionare gli articoli per cui si vuol effettuare un reso (il reso non deve riguardare necessariamente tutti gli articoli dell'ordine), e per ognuno di essi dovrà essere indicata la motivazione.
  • » Zalando consente di scegliere tra molte diverse motivazioni (articolo sbagliato, articolo non corrispondente a descrizione, articolo danneggiato ecc.), ma le stesse non devono essere necessariamente correlate a difetti del prodotto o errori dell'azienda: tra le varie alternative, infatti, sono disponibili anche opzioni come "non mi piace", oppure "nessun dettaglio".

Bastano pochi altri click per confermare l'operazione e per completare così la procedura online, ma come funziona l'effettuazione del reso dal punto di vista pratico? Andiamo subito a scoprirlo.

Reso Zalando: come funziona? È gratuito? Politica di restituzione, etichetta...

Come si diceva, Zalando ha previsto una procedura di reso davvero vantaggiosa per il cliente, anzitutto perché il reso è completamente gratuito, e anche perché le modalità di restituzione dei prodotti sono comodissime.

Il pacco del proprio reso può essere consegnato presso uno degli uffici postali abilitati, ce ne sono ben 12.000 nell'intera Italia, oppure a un esercizio della rete Punto Poste, che conta 10.000 tabaccherie e negozi convenzionati e 350 locker, ovvero armadietti da cui si possono effettuare operazioni di ritiro e di spedizione in totale autonomia.

Con oltre 22.000 punti di riferimento distribuiti su tutto il territorio nazionale, dunque, risulterà facilissimo effettuare il reso non solo nella propria città, ma anche nei pressi della propria abitazione, fermo restando che la procedura può concludersi anche senza neppure uscire di casa: se lo si desidera, infatti, si può prenotare il ritiro della merce da parte di un corriere direttamente dal proprio domicilio, anche in questo caso in maniera gratuita.

Preparare la merce alla spedizione è altrettanto semplice: Zalando, infatti, include in tutti i pacchi spediti una lettera di vettura, ovvero un'etichetta adesiva già compilata che il cliente può utilizzare nel caso in cui voglia eseguire un reso, di conseguenza non bisognerà fare altro che imballare gli articoli da restituire (va benissimo utilizzare lo stesso packaging utilizzato da Zalando per la spedizione, purché sia integro) e incollare sul pacco la lettera di vettura.

Nel caso in cui la lettera di vettura sia stata smarrita, nessun problema, perché dalla propria area personale è possibile scaricarne una in formato pdf, pronta da stampare. Sia a livello di comodità che di costi, assenti in tutti i casi, il reso di Zalando è tra i più vantaggiosi del mondo e-commerce.

Reso Zalando Privé e Reso partner Zalando

  • » Zalando Privé è lo "shopping club" di questo noto e-commerce, un sito web esterno rispetto a Zalando, sebbene appartenente alla medesima azienda, che propone offerte speciali di prodotti di varia tipologia valide esclusivamente per brevi lassi temporali.
  • » I prodotti partner di Zalando, invece, sono spediti da aziende esterne, ma dal punto di vista digitale la loro vendita avviene nel sito ufficiale di Zalando come per tutti gli altri prodotti (se il prodotto è venduto da un'altra azienda, viene sempre specificato nella relativa descrizione).

- Quali sono le modalità di reso relative a questi acquisti?

Per i prodotti partner di Zalando la procedura è identica in tutto e per tutto a quella descritta in precedenza, mentre per il reso Zalando Privé vi sono alcune piccole differenze.

Anche Zalando Privé prevede resi completamente gratuiti, il tempo per esercitare questo diritto, tuttavia, è più breve, essendo di 31 giorni piuttosto che di 100.

È interessante sottolineare, inoltre, che il vettore di riferimento per i resi di Zalando Privé è UPS, ciò significa che la spedizione del reso potrà essere effettuata o prenotando un ritiro a casa propria da parte dei corrieri di quest'azienda, oppure consegnando il pacco al punto di raccolta UPS più vicino.

Quali sono i tempi per un reso Zalando e il relativo rimborso?

I tempi di effettuazione di un reso Zalando sono quelli necessari per una normale spedizione nazionale, ovvero, indicativamente, 2 o 3 giorni lavorativi, ed è sempre possibile tracciare la spedizione attraverso il sito Internet del vettore.

Zalando è un'azienda molto tempestiva nell'effettuazione dei rimborsi: nella grande maggioranza dei casi l'accredito della somma dovuta viene effettuato al cliente non appena il pacco giunge in sede, a ogni modo l'azienda indica 14 giorni come limite temporale massimo per il rimborso a partire dal momento in cui il corriere prende in consegna il pacco da rendere. Su Zalando Privé le tempistiche massime indicate per i rimborsi risultano ancora inferiori, ammontando a 10 giorni.

Dove restituire Zalando: punto di ritiro o ritiro a domicilio

Come spiegato in precedenza, il proprio reso può essere affidato a un punto di ritiro pacchi oppure può essere prelevato a domicilio da un corriere, in entrambi i casi senza che si debba sostenere alcun costo.

La scelta tra l'una e l'altra opzione, dunque, è del tutto soggettiva: se non si hanno problemi a raggiungere il punto di ritiro più vicino (come detto, ne sono disponibili tantissimi in ogni provincia) si può optare per questa opzione, altrimenti si può prenotare la spedizione con ritiro a domicilio indicando la fascia oraria desiderata.

Rimborso Zalando: quali sono le condizioni?

Le condizioni affinché Zalando riconosca il dovuto rimborso al cliente che ha effettuato un reso sono le più ovvie: il prodotto non deve essere danneggiato, non deve essere stato già utilizzato e il relativo cartellino deve essere ancora attaccato.

L'imballaggio con cui si effettua il reso non deve essere necessariamente lo stesso utilizzato da Zalando, tuttavia è necessario che articoli come scarpe e accessori vengano restituiti dal cliente nella loro scatola originale, così come gli sono stati consegnati.

Numero di Zalando in Italia

Per contattare l'assistenza clienti di Zalando in Italia, il numero di telefono di riferimento è 02 3030 0067; non si tratta di un Numero Verde, ma di un'utenza fissa a cui è assegnato il prefisso di Milano.

È utile sottolineare che Zalando eroga il suo servizio di assistenza clienti anche tramite chat con operatore e via email, inoltre all'interno del sito sono presenti numerose FAQ tra cui si possono facilmente individuare le informazioni di cui si ha bisogno.

INFORMAZIONI UTILI

Come si effettua un reso con Zalando? Zalando è un vero punto di riferimento per quel che riguarda l'acquisto di abbigliamento online, in Italia come in molte altre nazioni europee, di conseguenza leMaggiori informazioni

Tracking Shein: Come Tracciare il tuo Pacco Shein

Shein è un negozio online di moda che ha guadagnato una grande popolarità negli ultimi anni. Offre una vasta gamma di abbigliamento, scarpe e accessori a prezzi convenienti. Shein inoltre offre spedizioni gratuite in Italia per ordini superiori a 39€. Tuttavia, come molte altre aziende di e-commerce, anche Shein ha alcuni problemi con la spedizione. In questo articolo, ti spiegheremo come cercare e tracciare le tue spedizioni Shein.

Tracciare spedizioni Shein: quali sono le fasi di consegna di un pacco Shein?

In questa breve guida analizzeremo tutti i dettagli degli ordini Shein, compresi alcuni piccoli inconvenienti che possono accadere nel caso di ritardi o merce non arrivata. Andiamo per gradi: quali sono le fasi di consegna di una spedizione Shein? Quando riceverai gli articoli da te acquistati? Le fasi sono 5:

  • » Presa ordine. Questa fase indica che la spedizione è stata accettata e che presto il tuo pacco verrà spedito.
  • » Ordine spedito. La merce da te acquistata non è più nel magazzino Shein ma è stata spedita presso la sede del corriere della tua città/regione.
  • » In transito. Il tuo pacco è in viaggio presso la sede del corriere scelto per la consegna.
  • » Spedizione presa in carico nella sede più vicina (es. sede TNT più vicino a te). In questo caso significa che il pacco è arrivato nella sede del corriere più vicina all'indirizzo da te fornito e che massimo in 2 giorni lavorativi riceverai la merce.
  • » Ordine in consegna (il primo tentativo presso l'indirizzo fornito). Questa fase indica che il corriere in giornata ti consegnerà la merce acquistata.

Nel caso in cui la consegna non sia andata a buon fine perché non eri presenti in casa è possibile che il tuo pacco venga rispedito in giornata presso la sede del corriere e che vi sia bisogno di riprogrammare la consegna. In casi come questi, come vedremo più avanti, è necessario contattare il servizio clienti dell'azienda che ha preso in carico la spedizione.

Quanto tempo occorre per ricevere un pacco Shein?

I tempi di attesa per ricevere un pacco Shein variano a seconda della stagione, condizioni climatiche e/o scioperi: durante l'alta stagione gli ordini possono subire dei ritardi e avere tempi di consegna più lunghi. In ogni caso i tempi dipendono dalla spedizione scelta:

- Spedizione standard

Consegna stimata dopo circa 2 settimane dalla presa in carico dell'ordine a un costo di 4.49€ o gratis per ordini superiori a 9.00€.

- Locker o punto di ritiro

Consegna stimata dopo circa 2 settimane dalla presa in carico dell'ordine a un costo di 2.90€ o gratis per ordini superiori a 9.00€.

- Spedizione economica

Consegna stimata dopo circa 3/4 settimane dalla presa in carico dell'ordine a un costo di 2.49€ o gratis per ordini superiori a 9.00€.

- Express spedizione

Consegna stimata dopo circa 7 giorni lavorativi dalla presa in carico dell'ordine a un costo di 6.90€.

Quali corrieri consegnano Shein in Italia?

Ti stai domandando quale corriere consegnerà il tuo pacco? In Italia la merce Shein viene tendenzialmente consegnata tramite i corrieri GLS, DHL, UPS Express o Bartolini.

L'incarico di un corriere rispetto a un altro dipende dalla città, zona e dalla scelta di spedizione effettuata durante la fase di acquisto. In ogni caso è possibile conoscere chi ti consegnerà il pacco verificando il tracking code ricevuto in fase di acquisto all'indirizzo di posta elettronica da te fornito. Il tracking code non è altro che un codice alfanumerico emesso dal vettore in fase di elaborazione dell'etichetta ed è specifica per quella determinata spedizione.

Pacco Shein non arrivato oppure consegnato ma non ricevuto: cosa posso fare?

Solitamente il pacco Shein viene consegnato entro la data indicata durante la fase di acquisto ma può accadere che non arrivi o che la merce risulti consegnata pur non essendo così. Non sai come risolvere la questione? Nessun problema, in questi casi è necessario contattare entro 45 giorni dalla data dell'ordine il servizio clienti Shein per chiedere maggiori informazioni. Ma desideriamo fornirti un altro consiglio che spesse volte può tornare utile: non limitarti a chiamare l'azienda di vendita online di fast fashion ma richiedi delucidazioni anche al corriere incaricato di consegnarti la merce. Accade spesso che, per problemi tecnici non imputabili all'azienda cinese, la merce rimanga bloccata presso l'ufficio di smistamento della tua città per cui sia necessario un sollecito da parte tua. In tutti i casi ricordati che hai tempo fino a 30 giorni per fare un reclamo e aver diritto alla riprogrammazione della consegna o in alcuni casi anche alla restituzione del denaro.

Cosa fare se arriva un pacco Shein e non sono a casa?

Nel caso in cui non sei a casa durante la consegna programmata del pacco è necessario contattare il servizio clienti Shein entro 45 giorni dalla data dell'ordine per riprogrammare la consegna.

Per ulteriori problemi relativi alla logistica, hai tempo fino a 90 giorni dalla data dell'ordine per chiamare il servizio clienti.

INFORMAZIONI UTILI SUI MARKETPLACE

Shein è un negozio online di moda che ha guadagnato una grande popolarità negli ultimi anni. Offre una vasta gamma di abbigliamento, scarpe e accessori a prezzi convenienti. Shein inoltre offre spedizMaggiori informazioni

Sdoganamento Aliexpress e Tasse Doganali : Tutto quello che devi sapere

Il colosso cinese del commercio elettronico offre un vastissimo assortimento di prodotti di ogni tipo, ma quando decidi di acquistare su Aliexpress, devi pensare alla possibilità che il tuo pacco sia sottoposto a controlli doganali. Tieni conto che la maggior parte degli articoli presenti sulla piattaforma arrivano dall'Asia e ciò significa che comprandoli, li importi in Italia. Ciò comporta l'aggiunta di dazi doganali, Iva e diritti postali stabiliti dalle normative vigenti.

Sdoganamento Aliexpress: tempi, costi e tutto quello che devi sapere

Quali sono dunque i costi extra a cui si va incontro acquistando su Aliexpress ? Si tratta di tre tipologie di spese.

  • » La prima è il dazio doganale, l'imposta riscossa dalla Dogana in relazione all'importazione di merci con un valore complessivo superiore a 150 euro. Se acquisti su Aliexpress sei, per legge, soggetto al versamento della somma calcolata dall'autorità competente. La cifra dipende dal valore del prodotto, che include imballaggio e spese di spedizione. In base alla tipologia di articolo, l'imposizione varia tra il 3% e il 7%.
  • » A tale eventuale esborso, si aggiunge l'Iva, che in Italia ammonta al 22%, ma ci possono essere differenze rispetto alla categoria del prodotto.
  • » I trasportatori sono responsabili del pacco e del suo contenuto di fronte alla Dogana, quindi sei tenuto a pagare un importo accessorio per il servizio.

Calcolo delle tasse doganali Aliexpress: alcuni esempi pratici

Da luglio 2021 è entrato in vigore l'Import One Stop, un regime speciale che obbliga i grandi venditori ad applicare l'Iva all'origine. Tu paghi l'imposta italiana su ogni prodotto acquistato. Il sito di e-commerce cinese paga le tasse direttamente al posto degli acquirenti. Successivamente, Aliexpress comunica i dati della transazione all'Agenzia delle Entrate del Paese di competenza. Questa procedura comporta quindi il versamento dell'Iva al momento della conferma dell'ordine: l'imposta viene aggiunta al prezzo dell'oggetto da pagare con il checkout sul sito. Questo sistema vale per acquisti fino a 150 euro.

  • » Poniamo che tu voglia comprare merce per 50 euro sul sito di Aliexpress. In questo caso, l'Iva viene aggiunta al carrello, quindi tu devi pagare 50 euro + 11 euro (22%) di Iva. Dovrai dare al corriere la somma relativa ai diritti postali di 7,50. Non viene applicato alcun dazio fino a 150 euro di valore complessivo. I costi di un corriere, rispetto a quelli di Poste Italiane, sono più alti e possono raggiungere circa 15 euro.
  • » Se il tuo acquisto ammonta a 180 euro, dovrai versare l'Iva allo spedizioniere, che la anticipa per te, insieme al dazio e ai diritti. Quindi il costo totale è: 180 euro (oggetto) + 5,40 euro (dazio al 3%) + 40,78 euro (Iva al 22%) e 7,50 euro (diritti postali), ovvero 233,68 euro.

Sdoganamento Aliexpress: cosa puoi fare se il tuo pacco Aliexpress è bloccato in dogana?

Gli ordini fino a 150 euro consentono di pagare l'Iva al momento dell'acquisto, ma cosa succede se la cifra è superiore? Lo sdoganamento Aliexpress avviene in modo diverso, bisogna agire per proprio conto, affidandosi al corriere. Per conoscere l'andamento del passaggio negli uffici doganali e avere idea sui costi, è necessario monitorare lo stato dell'ordine sul sito.

  • » Se compare la scritta ''IT Customs'', vuol dire che il tuo pacco è giunto a destinazione senza ostacoli.
  • » Qualora sia riportata la dicitura ''iniziato il processo di sdoganamento'', significa che il collo è in Dogana, ma non si conosce ancora l'evoluzione. Anche quando leggi ''sdoganamento'', la situazione è la medesima.

Non allarmarti, perché le procedure sono in mano al trasportatore. Se non è chiaro lo stato della spedizione o vuoi qualche chiarimento, rivolgiti direttamente al vettore per ottenere tutti i ragguagli necessari. Le autorità non sono autorizzate a darti informazioni, quindi evita di metterti in contatto con la Dogana.

IVA e Aliexpress: si può evitare di pagare l'IVA con Aliexpress?

La legge vigente prevede il pagamento obbligatorio dell'Iva su tutti i prodotti importati in Italia, a eccezione degli articoli che vengono reintrodotti nel Paese di origine. Ciò significa che se acquisti un oggetto di un venditore italiano che transita dalla Cina, puoi chiedere l'esonero dal versamento dell'Iva. Tuttavia si tratta di casi eccezionali da passare al vaglio degli ispettori doganali. Con l'adeguamento normativo, Aliexpress applica direttamente l'Iva per gli ordini fino a 150 euro, mentre per gli acquisti di articoli di valore superiore, dovrai attendere l'arrivo del collo e versare quanto stabilito dalla Dogana al corriere. Non si può evitare di pagare l'Iva, ma cambia la modalità di versamento.

Rimborso delle Tasse Doganali Aliexpress: è possibile e in quali casi?

Le spese doganali vengono applicate per il passaggio in Dogana e vengono restituite solo in caso di reso del prodotto. Aliexpress prevede tale opzione solo se la merce non è conforme a quanto descritto sul sito. Questa procedura, attuabile attraverso il sito seguendo le indicazioni riportate nella pagina relativa all'ordine effettuato, permette di ritornare l'articolo e di ottenere il rimborso totale della spesa sostenuta, comprensiva di tasse doganali. Non vi sono altre modalità per avere un rimborso di tale balzello.

Vuoi vendere su Aliexpress? Scopri Packlink Pro

Usi Aliexpress per vendere i tuoi prodotti e proporli a un vasto pubblico? Per le spedizioni puoi ricorrere al servizio Packlink PRO, che ti consente di connettere il tuo e-commerce o marketplace. Non è richiesto un volume minimo e non devi pagare quote mensili. Si integra con Aliexpress in maniera automatica e puoi importare con facilità le spedizioni, da personalizzare con la scelta dei corrieri e l'aggiunta di copertura assicurativa. Puoi risparmiare fino al 70% sulle tariffe dei vettori e hai modo di monitorare l'invio, inviando anche una mail sullo stato del trasporto ai tuoi clienti. In pochi click organizzi la spedizione e benefici di una gestione reclami rapida ed efficace.

Domande più frequenti sulle Spese Doganali Aliexpress

- Quando viene pagata la dogana su Aliexpress?

Solo gli ordini con un valore superiore a 150 euro devono pagare le tasse doganali, quelli con un valore inferiore a 150 euro saranno esenti dal pagamento dei dazi doganali, ma dovranno pagare l'IVA corrispondente, indipendentemente dal loro valore.

- Devo pagare le tasse (IVA) per acquistare su Aliexpress?

Sì, dall'introduzione delle nuove normative nel luglio 2021, tutti gli ordini effettuati su Aliexpress, indipendentemente dal loro importo, saranno soggetti al pagamento dell'IVA corrispondente, che generalmente è del 22%: è la piattaforma che riscuote direttamente l'IVA sul prezzo del prodotto che vogliamo acquistare, senza che l'acquirente debba fare altro.

INFORMAZIONI UTILI SUI MARKETPLACE

Il colosso cinese del commercio elettronico offre un vastissimo assortimento di prodotti di ogni tipo, ma quando decidi di acquistare su Aliexpress, devi pensare alla possibilità che il tuo pacco siaMaggiori informazioni

Reso e Rimborso Vinted: La Guida Completa di Packlink

Sono sempre più numerose le persone che scelgono di acquistare tramite Vinted, la piattaforma digitale dedicata ai capi e agli accessori di seconda mano. Negli anni recenti questo marketplace ha saputo conquistare quanti cercano alternative economiche al crescente caro prezzi del settore abbigliamento, così come gli amanti dei vestiti vintage. Allo stesso tempo sono aumentati gli utenti che trovano nella piattaforma un'opportunità per vendere tutto quel che non serve nell'armadio. Si tratta di una scelta sostenibile per l'ambiente, che si trasforma anche in una buona fonte di guadagno. Tuttavia, può capitare che i capi o gli accessori debbano essere restituiti, magari perché non corrispondono alla descrizione fornita oppure perché sono della taglia sbagliata. All'interno di quest'approfondimento vedremo come gestire il reso Vinted al meglio, in base alle specifiche esigenze e alla situazione.

Come funziona il reso Vinted?

Sul sito e sull'app di Vinted, più precisamente nella sezione dedicata alle modalità di restituzione, esistono linee guida abbastanza complete. Per riuscire a orientarsi con maggiore facilità in base alle specifiche esigenze, tuttavia, può essere utile suddividere le situazioni comuni, analizzando le domande frequenti che le persone si pongono nel caso in cui un ordine non vada a buon fine e si riveli necessario effettuare un reso.

- Reso Vinted per taglia sbagliata

Chi effettua un ordine tramite la piattaforma e riceve un pacco con un contenuto la cui taglia non corrisponde alla descrizione fornita in fase di acquisto, può fare riferimento alle indicazioni chiare della piattaforma. Il primo passaggio ha lo scopo di fornire una prova, accedendo alla schermata apposita dell'assistenza. Quando la taglia è errata è necessario inviare la foto dell'articolo per intero, nonché quella che ritrae i dettagli delle etichette e degli eventuali cartellini presenti sull'articolo dove viene riportata la misura. Nel caso in cui non vi siano etichette con la taglia è possibile aggirare tale mancanza facendo delle foto accanto ad altri riferimenti utili per comprendere la grandezza. L'assistenza di Vinted suggerisce di usare un metro, in modo tale da ottenere informazioni precise per gestire la pratica. Se invece è il colore a essere molto diverso da quello indicato servono scatti realizzati da angolazioni diverse e mediante una buona illuminazione, che permette di comprendere la reale tonalità.

Reso Vinted: Chi paga la spedizione?

Una tra le domande più frequenti che si pongono gli utenti della piattaforma per acquisti second-hand riguarda le spese di spedizione. Ebbene si tratta di un punto non sempre ben definito, in quanto relativo alla trattativa singola tra venditore e acquirente. Nel caso in cui l'utente che ha venduto il capo o l'accessorio decida di accettare il reso, perché i motivi sono effettivamente riconosciuti come validi, l'acquirente deve procedere all'invio entro 5 giorni preparando il pacco in modo corretto. In linea generale le spese di spedizione saranno a carico dell'utente che effettua il reso, tuttavia, nel caso in cui ci si accordi diversamente l'importo può essere restituito con il rimborso.

Reso Vinted non ritirato: cosa succede?

Se un reso Vinted effettuato seguendo le indicazioni dell'assistenza della piattaforma non viene poi ritirato da parte del venditore, l'acquirente può vantare dei diritti precisi. Questa particolare casistica rientra infatti in una più ampia relativa alla mancata risposta entro 14 giorni dopo che un problema è stato segnalato. Se l'utente venditore continua a non rispondere e il reso non viene ritirato, sarà compito dell'assistenza di Vinted dare il via all'annullamento dell'ordine, nonché all'inoltro di un rimborso per l'acquisto che non è andato a buon fine.

Rimborso Vinted: come funziona?

Gli utenti della piattaforma selezionano in genere la Protezione Acquisti, che aumenta di una piccola percentuale la spesa. Si tratta di un'assicurazione che include la politica di rimborso, la quale si attiva in diversi casi, come ad esempio quando il pacco non arriva a destinazione oppure è stato danneggiato durante il trasporto o ancora appare molto diverso dalla descrizione. È importante specificare che la segnalazione deve pervenire entro due giorni dalla consegna, accedendo alla sezione "Ho un problema" sulla schermata della conversazione con il venditore. Una volta segnalato quanto accaduto, l'ordine viene sospeso in maniera temporanea e il pagamento trattenuto fino alla risoluzione. Nei paragrafi seguenti vediamo altri casi specifici che possono accadere, nonché alcune informazioni utili per il venditore.

- Rimborso Vinted per pacco danneggiato

Quando un pacco viene danneggiato durante il trasporto si consiglia all'utente di rifiutare la consegna. Se invece è già stato recapitato, ma presenta danni visibili, è indispensabile segnalare in maniera tempestiva, sempre accedendo alla pagina dedicata. Completata quest'operazione l'assistenza si mette in contatto con acquirente e venditore per ricevere informazioni complete e avere così una panoramica più precisa in merito al danno. Se confermata la segnalazione, l'ordine viene annullato e il rimborso completato. Ciò vale anche nel caso in cui il pacco sia stato danneggiato nel centro di verifica.

- Rimborso Vinted per pacco smarrito

Se il pacco viene smarrito o non arriva comunque a destinazione è necessario seguire i passaggi indicati, selezionando l'opzione sulla sezione dedicata. La piattaforma si occupa poi di verificare con il corriere espresso che ha preso la spedizione in carico le informazioni e, solo una volta ottenuta la conferma che il pacco è stato effettivamente smarrito, l'ordine è annullato e l'acquirente riceve un rimborso completo.

- Rimborso Vinted per ordine annullato

Può capitare che un utente si veda annullare un ordine già effettuato, dopo aver concordato i dettagli assieme al venditore. Sono diversi i casi in cui è possibile assistere a un annullamento automatico dell'ordine, come ad esempio avviene se il venditore non scarica l'etichetta di spedizione o non spedisce l'articolo in tempo utile, oppure non usa il metodo di spedizione indicato. In tutti questi casi l'acquirente ha diritto a un rimborso che viene erogato con tempistiche variabili a seconda del metodo di pagamento.

- Rimborso Vinted venditore

Anche i venditori hanno diritto a vedersi rimborsate le spese di spedizione nel caso in cui i pacchi vengano smarriti o danneggiati. Chi vende capi di seconda mano o ha un negozio con vetrina su Vinted può inoltrare una richiesta di risarcimento. Una volta ottenuto il riscontro dalla società di spedizione e aver verificato che il pacco, spedito con un'etichetta prepagata generata su Vinted e imballato correttamente, è stato smarrito o ha subito danni consistenti, vengono rimborsati gli importi. Il rimborso massimo varia in maniera notevole a seconda della singola società di spedizione.

- Quanto tempo per un Rimborso Vinted?

Chi segue le procedure indicate può avere diritto a ricevere il rimborso con tempistiche diverse a seconda della modalità di pagamento selezionata. Nel caso in cui l'acquisto sia stato pagato tramite il Saldo Vinted è necessario aspettare solo poche ore dopo l'annullamento dell'ordine. Qualora invece l'acquisto sia stato effettuato con carta di credito o debito, si dovrà aspettare fino a cinque giorni lavorativi. Lo stesso vale anche per i pagamenti effettuati con Apple Pay e Google Pay.

INFORMAZIONI UTILI

Sono sempre più numerose le persone che scelgono di acquistare tramite Vinted, la piattaforma digitale dedicata ai capi e agli accessori di seconda mano. Negli anni recenti questo marketplace ha saputMaggiori informazioni

Intestazione della Busta di una Lettera : la Guida Completa

Intestazione di una busta: come intestare una busta a seconda delle occasioni o dei destinatari

In un mondo sempre più digitale, la scrittura di una lettera può apparire un'azione anacronistica, ma come vedremo in questa semplice guida, ci sono delle occasioni in cui l'invio di una missiva non può essere evitato.

Si tratta ad esempio dell'invio di un invito per un matrimonio e della relativa risposta di auguri. Accade quando si devono porgere le condoglianze a qualcuno, o in lieti eventi come una nascita.

A volte si deve inviare una raccomandata cartacea o un curriculum vitae, e come si vede dunque non sono poi i rari i casi in cui si deve procedere con l'intestazione, che deve essere personalizzata a seconda dell'evento stesso.

Quindi, che sia cartacea o in allegato a mezzo mail, la lettera (a seconda della circostanza) richiede un'intestazione specifica.

Vediamo i diversi casi. Dopo aver letto e preso spunti dal nostro articolo, per spedire la busta affidatevi a Packlink : potrete comparare costi e tempi di spedizione di Poste Italiane con quelle dei migliori corrieri.

Intestazione della busta di una lettera formale

La lettera si intende formale quando va inviata per un'occasione specifica o a un destinatario con il quale non si ha una confidenza particolare.

Può essere l'invio del proprio curriculum vitae per rispondere a un annuncio di lavoro o proporsi per una collaborazione professionale. Può essere l'invio di un documento presso il proprio Comune di residenza o un altro organo amministrativo.

Proprio perché ufficiale quindi, ci sono regole da rispettare, che sono:

  • » grafia (nel caso in cui si scriva a mano) perfettamente leggibile come prima cosa;
  • » dati corretti e assolutamente senza errori di grammatica;
  • » scrivere il nome del destinatario per esteso con il relativo titolo. Nel caso di un avvocato ad esempio si scriverà Prg.mo Avvocato Rossi; nel caso di un medico specialistico si scriverà Ill.mo Dottor Prof. Rossi; nel caso di un destinatario senza titolo si indicherà comunque Preg.mo Signor Rossi. Nel caso di un ente, si scriverà Comune di Roma, Dip. Lavori Pubblici e così via;
  • » specificare i ruoli dei destinatari: nel caso in cui si spedisca una lettera a una famiglia, si dovrà specificare Signor e Signora, oppure (nel caso di omonime) Signor Rossi e figlio. In alternativa si potrà indicare anche 'Famiglia Rossi';
  • » l'indirizzo va scritto per intero, quindi Via o Piazza, poi la virgola a separare il numero civico, eventuali interni e il CAP), seguito il tutto dalla città e quindi dalla provincia.

Intestazione della busta di una raccomandata

La raccomandata è una missiva particolare, perché sottintende l'invio di un documento del quale si vuole (o si deve) avere traccia e conferma sul recapito. In genere si usa per spedire documenti, o per contestare atti amministrativi, o per inviare domande di partecipazione ai concorsi. Va da sé quindi che deve essere compilata con particolare attenzione.

La busta dovrà essere sufficientemente grande per contenere i documenti spediti, e quindi sigillata. Importantissimo cominciare con il mittente, sia perché chi la riceve (nel caso dei concorsi) deve poter sapere chi iscrivere, sia per poter ricevere la ricevuta di ritorno (sempre consigliata).

Il mittente va scritto sulla parte della chiusura della busta, mentre il destinatario va inserito fronte busta, a circa tre quarti dall'alto (in questo modo il lettore ottico delle Poste non viene intralciato).

L'indirizzo del mittente (preceduto dalla dicitura 'mittente') e del destinatario (preceduto dalla dicitura 'per') deve essere scritto con cura e per esteso.

Attenzione alla ricevuta da compilare per poter avere la contezza della consegna. Va compilata nella parte superiore con i dati del mittente e nella parte inferiore con quelli del destinatario. Spuntare sempre la voce: A/R.

Poi compilare anche il cartoncino della consegna sul quale indicare l'indirizzo del mittente al quale andrà spedita la ricevuta con la firma del destinatario da allegare alla pratica in corso.

Intestazione di una busta consegnata a mano

Caso particolare, ma tutt'altro che raro, quello di una lettera consegnata a mano. In genere si utilizza quando la lettera, che deve essere ricevuta da un destinatario in particolare, rischia di perdersi dentro uffici o condomini molto grandi.

Si utilizza questa formula quindi quando si vuole che proprio quella persona, e nessun'altra, riceva la lettera. Il postino in questo caso potrà citofonare direttamente al destinatario per consegnarla, mentre in caso di uffici o banche potrà darla al portiere che se ne occuperà personalmente.

In questo caso si potrà anche in via eccezionale omettere il mittente, qualora non volesse essere reso noto, proprio perché solo il destinatario la riceverà. Ecco quindi che il suo nome e il luogo in cui trovarlo sarà fondamentale.

Ad esempio: Preg.mo Dottor Rossi, Direttore filiale n''X' c/o banca 'Y', Ufficio enti pubblici, terzo piano. Si usa indicare in questi casi anche la dicitura S.P.M., acronimo di Sue Proprie Mani, che sta a indicare che la lettera deve essere fisicamente consegnata nelle mani del destinatario.

Volendo, qualora il contenuto della lettera sia particolarmente riservato, si può indicare anche “Riservato e Personale”, e la si può affidare a un corriere privato. Si usa molto negli studi legali e nelle banche.

Intestazione di una busta di auguri per diverse occasioni: matrimonio, laurea, compleanno etc.

Vediamo adesso l'intestazione di una busta in occasioni diverse ma accomunate tutte da un evento. Può trattarsi di un matrimonio o di un lutto, ma anche di auguri di compleanno o per la festa di laurea.

Premesso che i nomi di mittente e destinatario, nonché l'indirizzo di destinazione devono sempre essere presenti e leggibili, a seconda delle circostanze si useranno formule diverse.

Intestazione di una busta per gli sposi

La busta per gli sposi va inviata ovviamente in occasione di un matrimonio, e può riguardare diverse circostanze:

  • » Risposta all'invito alla cerimonia;
  • » Invio del regalo 'scritto' (in questo caso contiene soldi o eventualmente biglietti di viaggio o comunque non oggetti voluminosi)
  • » Invio del regalo 'fisico' (come potrebbe essere un vero e proprio pacco).

A prescindere dal contenuto, si dovrà intestare la busta con la dicitura 'Signore/Signora', o “Gentilissimo/Gentilissima/Gentilissimi”, aggiungendo la formula “e famiglia” se si vuole estendere l’invito ai figli degli stessi.

La busta (nel caso contenesse soldi) potrà avere una tasca interna di sicurezza e magari essere anche assicurata.

Intestazione di una busta di auguri per laurea

In questo caso invece il titolo che deve essere indicato è quello conseguito in sede di Laurea. Quindi ad esempio si potrà scrivere Preg.mo Avvocato Rossi, con la differenza che per un'avvocata la dicitura dovrà essere Gent.ma Avvocata Rossi. Se si ha molta confidenza con il laureato si potrà anche scegliere una busta simpatica e colorata di rosso (il colore della Laurea appunto) ma intestazione del destinatario e del mittente dovranno sempre essere completi e corretti.

Appunto forse superfluo ma necessario: le buste di cui parliamo vanno scritte sempre a mano. All'interno delle singole buste, a seconda della circostanza, si potranno anche inserire biglietti (simpatici come in questo caso) o sentiti (come nel caso di un lutto) ma all'esterno non devono mai essere indicate cose diverse da:

  • » mittente: nome cognome e indirizzo
  • » destinatario: nome cognome e indirizzo

L'unica eccezione, come visto, è la sigla 'S.P.M.' nel caso di missive consegnate 'brevi manu'.

Intestazione di una busta di condoglianze

La busta per le condoglianze, che all'interno conterrà un biglietto che esprime vicinanza e affetto, seguirà le medesime regole delle altre missive per quanto riguarda mittente e destinatario, ma potrà essere inviata anche come telegramma. In ogni caso sulla busta si dovrà indicare:

  • » il titolo professionale di chi riceve la busta qualora sia venuto a mancare un suo caro;
  • » la dicitura 'Famiglia Rossi' nel caso si invii la lettera ai membri di una famiglia che hanno perso un congiunto;
  • » Signor e Signora nel caso di una coppia che abbia perso un figlio;
  • » si può aggiungere 'al carissimo' prima del destinatario qualora si abbia particolare confidenza con il destinatario.

La busta in questi casi dovrà però avere una particolarità. Si usa in genere una busta che reca sul lato sinistro una linea nera posta in diagonale. Questo sta a significare naturalmente il lutto. Per il resto ricordarsi sempre che il destinatario va sul fronte busta a tre quarti dall'alto in questo modo:

  • » nome destinatario (con eventuale titolo)
  • » sotto l'indirizzo (Via/Piazza, numero civico)
  • » sotto il CAP seguito da città e provincia

Il mittente va scritto dal lato di apertura della busta, quindi retro busta, così:

  • » mittente: nome e cognome
  • » indirizzo sotto
  • » cap città e provincia sotto

Intestazione di una busta per avvocato, medico, sindaco o altre personalità

La busta è decisamente ufficiale e prevede diversi casi. Chi invia una lettera a un avvocato in genere è un altro avvocato o uno studio commercialista o ancora un cliente che deve ritornare un mandato debitamente firmato.

La busta dovrebbe essere anche intestata se il mittente è un altro studio professionale (quindi al posto del mittente andrebbe il nome dello studio che invia). Unica eccezione, in questo caso si usa stampare le etichette da apporre con l'indirizzo.

Per quanto riguarda un sindaco o altra carica istituzionale va sempre indicato 'Ill.mo nome, cognome, Sindaco di... c/o Comune di ed indirizzo'.

Intestazione di una busta per un Curriculum Vitae

Quando si manda una lettera di questo tipo si deve indicare l'ente (lo studio o il negozio o l'ufficio) a cui si spedisce prima dell'indirizzo. Quindi Spett.le Studio Professionale, con indirizzo completo.

Se si vuole far recapitare il cv all'ufficio selezione del personale si potrà aggiungere presso (co/) l'ufficio del personale, eventualmente con la menzione 'all'attenzione del Signor' se si conosce il nominativo del responsabile.

Intestazione di una busta: come intestare una busta a seconda delle occasioni o dei destinatariIn un mondo sempre più digitale, la scrittura di una lettera può apparire un'azione anacronistica, ma comMaggiori informazioni

Reso AliExpress: La Guida Completa di Packlink

Il commercio online è parte integrante della vita di tutti noi, siamo infatti abituati ad acquistare ogni tipo di prodotto utilizzando semplicemente uno smartphone, o comunque un dispositivo mobile, in qualsiasi momento e ovunque ci troviamo.

Appare evidente, inoltre, che gli acquisti online hanno avuto una crescita esponenziale soprattutto durante la Pandemia, in particolar modo nei mesi più difficili nei quali eravamo in lockdown. Di fatto, questo tragico evento ha contribuito ad aumentare il numero di acquisti sul web, facendo scoprire anche a coloro che non erano abituati a questa modalità di acquisto che si tratta di una vera e propria rivoluzione.

Insomma, acquistare online vuol dire poter ammirare un catalogo prodotti praticamente infinito, consultandolo a qualsiasi ora, effettuando un ordine in qualunque momento, ricevendo il prodotto comodamente a casa propria.

Non solo, possiamo sicuramente affermare che acquistando online si gode anche di una certa facilità per quanto riguarda i resi, cosa che magari comprando nei negozi fisici può diventare più complicata.

Tra i negozi online più famosi non possiamo non citare Aliexpress e in questo articolo vogliamo analizzare nel dettaglio come funzionano il reso e i rimborsi.

Reso Aliexpress: come restituire un pacco Aliexpress

Prima di vedere come funziona il reso tramite Aliexpress, riteniamo opportuno fare una premessa estremamente importante per capire al meglio quello di cui stiamo parlando.

Infatti, l'opzione che permette di richiedere un reso gratuito si trova sotto forma di icona nella pagina dedicata al prodotto, soltanto nel caso in cui il fornitore prevede questa possibilità.

Il prodotto dovrà essere restituito con l'imballaggio originale e l'etichetta di cui parleremo in seguito.

Come funziona il reso Aliexpress?

Per prima cosa dobbiamo sottolineare che la richiesta di reso deve essere inoltrata entro e non oltre quindici giorni dalla consegna della merce. Non è obbligatorio indicare la motivazione.

Altra cosa importante riguarda il fatto che il prodotto che si vuole restituire non deve essere stato utilizzato, dovrà dunque essere in perfette condizioni.

Sostanzialmente, per contattare il venditore e chiedere il reso è opportuno seguire queste tre fasi:

  • » Recarsi all'interno della pagina dedicata agli acquisti effettuati.
  • » Cliccare su dettagli acquisto e, successivamente, su open dispute.
  • » Cliccare su contact now per entrare in chat con il venditore.

Naturalmente, Aliexpress controllerà in maniera estremamente rigorosa che la merce restituita sia nelle condizioni ottimali, in caso positivo potrà emettere il rimborso a favore del cliente acquirente.

Per effettuare il reso è necessario:

  • » Essere in possesso del codice di reso o dell'etichetta di reso.
  • » Recarsi nel punto di ritiro del corriere che si occupa del reso stesso.
  • » Aspettare che il magazzino riceva il pacco.

Il reso Aliexpress è gratuito?

Molto spesso, quando si decide di effettuare un reso tramite Aliexpress, si viene assaliti dal dubbio se questa operazione sia gratuita o se eventualmente verrà richiesta una somma per la pratica.

Fortunatamente, l'Italia rientra tra i Paesi nei quali è previsto che il reso effettuato su Aliexpress sia totalmente gratuito, qualora previsto dal venditore.

Naturalmente, come abbiamo avuto modo di dire in precedenza, il reso deve essere richiesto entro e non oltre quindici giorni dal momento in cui è stato ricevuto il pacco. Non solo, il venditore dovrà corrispondere anche le spese di spedizione, oltre naturalmente all'importo che l'acquirente ha speso per l'acquisto del prodotto.

Rimborso Aliexpress, quali sono le condizioni?

Per prima cosa possiamo garantire il fatto che Aliexpress, in tema di rimborsi, è molto preciso e affidabile. Infatti, su ogni tipo di prodotto è presente una specifica copertura che varia dai venti fino ai sessanta giorni.

Se guardi nel dettaglio il tuo ordine, è presente la voce Buyer protection che indica proprio la garanzia che viene data dal venditore al cliente acquirente.

Devi sapere che la garanzia può essere estesa, anche se è già in corso, cliccando semplicemente accanto al numero dei giorni rimanenti per il termine della garanzia stessa.

La condizione imprescindibile per ottenere il rimborso è che la protezione sull'acquisto sia ancora valida. Una volta aperta la pratica, Aliexpress effettuerà tutte le verifiche del caso e ti comunicherà se il rimborso è andato a buon fine o meno.

Qualora ti venga comunicata l'impossibilità di poter disporre del rimborso a tuo favore, ti sarà comunque spiegato nei minimi dettagli il motivo. Viceversa, se il rimborso viene effettuato lo riceverai sul tuo conto corrente, sul conto PayPal oppure sulla carta di credito.

Si può ottenere il rimborso senza effettuare il reso AliExpress?

La risposta è negativa, ovvero non è possibile ottenere il rimborso senza aver effettuato il reso del prodotto precedentemente acquistato, questo anche per evitare eventuali truffe da parte di furbetti che vogliono approfittare delle condizioni vigenti.

Cosa fare se non si riceve il rimborso AliExpress?

Potrebbe capitare che passano i giorni e non vedi il rimborso che ti spetta, in questo caso ci sono alcune cose che dovresti fare per verificare in maniera dettagliata la situazione.

Il primo passo da effettuare è quello di controllare lo stato del rimborso attraverso la pagina relativa al tuo ordine, nella scheda pagamento. Tieni presente però che se sono passati solo pochi giorni probabilmente dovrai semplicemente attendere.

Se, anche dopo diversi giorni, non hai ancora ricevuto alcun rimborso ti conviene controllare il codice ARN. Questo codice ti viene fornito nel caso in cui il pagamento venga effettuato tramite carta. Con il codice ARN puoi subito verificare, attraverso la tua banca, se il rimborso è arrivato o no.

Qualora nemmeno quest'ultima soluzione sia efficace, dovrai per forza contattare Aliexpress in modo tale da capire cosa sta effettivamente succedendo.

Contattare Aliexpress per il rimborso

Aliexpress tiene molto alla qualità del proprio servizio di assistenza rivolto ai clienti. Dunque, se hai un problema con un rimborso avrai a tua disposizione diversi canali per poter contattare Aliexpress, ovvero:

  • » Chat: in questo caso avrai a tua disposizione un'operatrice virtuale che ti guiderà attraverso delle risposte automatiche.
  • » Chiedere un contatto telefonico: tieni presente che non è possibile telefonare direttamente al servizio clienti, potrai però chiedere di essere ricontattato quanto prima.
  • » Email: un altro metodo per contattare Aliexpress è l'indirizzo email e anche in questo caso potrai ottenere una risposta in tempi rapidi. Sul sito ufficiale trovi i vari indirizzi email.
  • » Social: infine, puoi contattare facilmente Aliexpress tramite i vari canali social ufficiali. Infatti, l'ecommerce è presente su tutti i social principali e, inoltre, puoi contattarli anche tramite WhatsApp.

INFORMAZIONI UTILI

Il commercio online è parte integrante della vita di tutti noi, siamo infatti abituati ad acquistare ogni tipo di prodotto utilizzando semplicemente uno smartphone, o comunque un dispositivo mobile, iMaggiori informazioni