L’originalità è di casa su Ezebee

Ezebee, fondato nel 2013 da Frank de Vries e Ossian Vogel,  é un marketplace internazionale che permette a chiunque di promuovere la propria creatività online senza pagare costi di inserzione o commissioni sulle vendite!  Chi non ha il tempo o le risorse per creare il proprio sito web di vendita  o Blog può così avvalersi di questa community internazionale di artisti e designers, creare il proprio Showroom ed ottenere  cosí una visibilità molto più ampia, ovviando a problemi di tempo e risorse.

Una delle novità più interessanti di Ezebee è la possibilità di integrazione con la propria pagina Facebook: grazie a una applicazione installabile gratuitamente su Facebook, è possibile vendere i propri prodotti sul social e gli utenti possono acquistare le creazioni direttamente online cliccando su “Buy now”. I vantaggi di avere una vetrina anche su Facebook? 

Prima di tutto la propria pagina su Facebook non serve solo per “fare marca”, ma anche per generare transazioni e senza nessun impegno da parte dell’utente che, con una semplice importazione,  può portare i suoi prodotti anche sul social.

E se avete giá uno shop su Dawanda o Etsy, da oggi con un semplice widget potrete integrare i vostri negozi ed esportarli su Ezebee, risparmiare tempo e ampliare la vostra rete di contatti e potenziali acquirenti!

Un altro elemento che ci affascina di questo marketplace è che si tratta anche di una vera e propria community in cui venditori e compratori possono dialogare tra loro direttamente e conoscere i designer che stanno dietro a ciascuna creazione. Su Ezebee ogni venditore ha una pagina dedicata in cui può presentarsi e indicare le modalità di spedizione nel caso di acquisto: chi pubblica le proprie creazioni su ezebee può scegliere come spedirle.  Sul blog di Ezebee è possibile inoltre trovare informazioni su come migliorare il posizionamento SEO del proprio Showroom, sulle tendenze di ciascun mese e naturalmente tutte le ultime novità sul sito.

Un marketplace così originale non poteva che confermare la propria peculiarità anche nel metodo di pagamento: ogni utente può scegliere se pagare nella valuta del proprio Paese o usare i “BeeCoins” una moneta firmata Ezebee che corrisponde a 1USD e che permette di effetturare le transazioni in maniera sicura e senza dover pagare costi di commissione.

Ezebee, fondato nel 2013 da Frank de Vries e Ossian Vogel,  é un marketplace internazionale che permette a chiunque di promuovere la propria creatività online senza pagare costi di inserzione o commisMaggiori informazioni

Ezebee: comprare e vendere in modo alternativo

Crea annunci classificati o uno shop online su ezebee.com

Si rinnova la collaborazione tra Packlink.it ed ezebee.com, la community online internazionale  all’interno della quale ogni piccolo imprenditore, creativo, artista o freelance puó creare il proprio Shop online completamente gratuito o un annuncio classificato e vendere prodotti e servizi in tutto il mondo!

Grazie a ezebee.com ogni utente che crea uno shop online gratuito ha a disposizione una propria pagina con Blog, album fotografici, pagine eventi per promuovere il proprio business oltre che widget gratuiti per integrare il proprio Blog o pagina Facebook ed espandere la propria rete di contatti.

Ezebee é diviso in diverse sezioni:

  • SHOPPING: é il marketplace vero e proprio dove é possibile cercare prodotti attraverso filtri di ricerca intelligente;
  • ANNUNCI: é la nuova sezione di ezebee.com! Vuoi vendere qualcosa in maniera immediata e senza dover creare uno shop online? Crea il tuo annuncio classificato gratuito in pochi click!
  • COMMUNITY: é ció che differenzia ezebee.com dagli altri marketplace! Proprio come succede su Facebook, anche su ezebee gli utenti possono interagire tra di loro e creare un network di contatti che condividono gli stessi interessi (ci sono anche forum e gruppi);
  • PERSONE: incontra esattamente il creativo che cercavi con i filtri per la ricerca degli utenti. O inizia a seguire persone che potrebbero avere i tuoi stessi interessi e incrementa la visibilitá del tuo brand!
  • In alto a destra troverete:
  • La consueta SHOPPING CART (attraverso la quale gestire ordini, vendite e prodotti da tenere d’occhio);
  • Il tuo credito EZEBEES (EZBs)…altra peculiaritá di ezebee.com é infatti la presenza di una moneta alternativa e digitale interna, i cosiddetti EZEBEES attraverso i qauli ogni utente puó scambiare prodotti o effettuare acquisti in completa sicurezza e liberi da commissioni!
  • Gli utenti hanno accesso agli ezebees mediante l’acquisto con Paypal ma hanno in realtá diverse possibilitá di ottenere ezebees tramite le attivitá sulla community. Infatti ezebee.com regala:
  • 1 EZB per ogni annuncio classificato creato;
  • 2 EZBs per ogni nuovo argomento di discussione creato nei forum;
  • 0,25 EZBs per ogni like dato sulla community (prodotti o showroom o attivitá di altri utenti) o per ogni utente che si inizia a seguire!
  • E con gli ezebees che guadagni puoi:
  • promuovere i tuoi prodotti de assicurarti una posizione alta nel marketplace;
  • promuovere il tuo Showroom;
  • acquistare prodotti o servizi da utenti che accettano lo scambio in ezebees (sia nel marketplace che nella sezione Annunci classificati).
  • Vuoi saperne di piú?
  • Visita ezebee.com, scrivi a valeria@ezebee.com o visita la pagina Facebook di ezebee Italia!
timthumb (1)
Crea annunci classificati o uno shop online su ezebee.comSi rinnova la collaborazione tra Packlink.it ed ezebee.com, la community online internazionale  all’interno della quale ogni piccolo imprenditoMaggiori informazioni

Drop shipping: un nuovo modo di vendere online

Il dropshipping (o drop shipping) è un nuovo modello di vendita che prevede che i prodotti del fornitore siano venduti al cliente finale tramite un intermediario (il venditore) che si occupa di pubblicizzare i beni e ampliare la rete di vendita.

Il guadagno del venditore è ottenuto dalla differenza tra il prezzo del prodotto pagato al fornitore e il prezzo di vendita stabilito per il cliente finale. Questo sistema risulta particolarmente indicato per piccole e medie imprese che non hanno un ecommerce e non dispongono delle risorse per poter implementare un negozio online.

Il sistema è particolarmente utile per piccole imprese che non dispongano dei mezzi o delle capacità per pubblicizzare i propri prodotti o per aziende che aspirano ad ampliare i loro volumi e la loro rete di vendita.

Vantaggi del drop shipping

 Risparmio. Vengono eliminati costi di distribuzione (non ci sono magazzini) e si evitano inventari in eccesso e rimanenze.

 Flessibilità. La vendita è realizzata online e la distribuzione viene fatta in modo diretto da venditore a compratore.

Rischi del drop shipping

Basso margine di guadagno da parte del venditore nel caso di prodotti sui quali ci sia una forte concorrenza che obblighi i venditori ad abbassare il prezzo.

Merce fuori stock, dal momento che l’ordine e il pagamento da parte del cliente viene fatto prima dell’ordine da parte del venditore al fornitore si corre il rischio che il prodotto non sia disponibile e per questo si renda necessaria una sostituzione con altro fornitore o un annullamento dell’ordine.

Il dropshipping, nato negli Stati Uniti negli anni 90, ha avuto una rapida espansione grazie alla nascita di aste online e in particolare di Ebay, canale che amplia le possibilità di questo metodo di vendita prevedendo solo una piccola tassa per la pubblicazione dell’offerta. In Italia, anche se in ritardo, questo sistema di vendita sta ottenendo sempre maggiore successo e non mancano siti online che permettono di implementarlo a basso costo, come Bazarissimo o YouDroop.

Il dropshipping (o drop shipping) è un nuovo modello di vendita che prevede che i prodotti del fornitore siano venduti al cliente finale tramite un intermediario (il venditore) che si occupa di pubbliMaggiori informazioni

PMI e digitalizzazione: obbiettivi e sfide

La diffusione di Internet e delle possibilità d’acquisto ha spinto molte PMI a pensare alla digitalizzazione grazie all’apertura di un ecommerce.

Le PMI possono contare durante questo processo con vari finanziamenti e progetti di lunga durata, non ultimo quello lanciato da Google (Eccellenze in digitale) per promuovere la digitalizzazione delle PMI che costituiscono esempi di successo per la commercializzazione del Made in Italy.

Ovviamente il processo di digitalizzazione passa per varie fasi e non si tratta in assoluto di un semplice trasferimento di informazioni dalla realtà fisica a quella digitale. Un interessante guida creata dalla Confederazione svizzera traccia alcuni punti di partenza per valutare costi e passaggi fondamentali nella creazione di un e-commerce

Ricerche di mercato

Il punto di partenza per qualunque ecommerce è effettuare una completa ricerca sul mercato esistente e potenziale individuando il target a cui il prodotto/servizio è indirizzato, i competitors e i loro punti di forza e di debolezza. Per effettuare queste ricerche sono disponibili numerosi strumenti messi a disposizione tanto da Google come dalle piattaforme social.

Scelta del sito

Su Internet esistono ormai moltissime opzioni di piattaforme offrono soluzioni pronte per l’uso (come per esempio Woocommerce) per tutte quelle imprese che non possono permettersi di creare una piattaforma personalizzata che richiede senza dubbio un maggiore dispendio di risorse e tempi.

Riservatezza dei dati

Qualunque usuario che si veda costretto a fornire dati sensibili che non valuta necessari per la navigazione sulla web, preferirà passare oltre prima di rilasciare informazioni che possono essere modificate o utilizzate a sua insaputa. La nuova legislazione prevede una maggiore tutela del consumatore e agisce anche in tema di riservatezza e privacy. L’informativa sulla privacy deve essere sempre presente e la possibilità di annullare l’iscrizione alla mailing list della web deve essere ben visibile e accessibile.

Metodi di pagamento

Scegliere quali metodi di pagamento mettere a disposizione degli utenti in modo che possano avere diverse opzioni di pagamento permette di evitare che i clienti non finalizzino l’acquisto. Esistono passerelle di pagamento integrabili con la pagina web che prevedono un costo fisso mensile e una percentuale su ciascuna transazione, ma rendono molto più semplice il processo di registrazione delle transazioni.

Condizioni generali e obblighi legali

Le nuove disposizioni in materia di commercio elettronico, come da molti osservato, vanno a tutela del consumatore cercando di inserirsi in un contesto, quello dell’ecommerce, che fino ad ora non aveva goduto di disposizioni specifiche. In materia di rimborsi, resi e spese di spedizione vigono nuove norme a cui gli ecommerce dovranno adeguarsi.

Controllo dei risultati

Un elemento spesso sottovalutato da parte dei siti internet è il controllo dei risultati. Qualunque ecommerce dovrebbe pianificare fin dal suo lancio quali risultati monitorare e quali siano gli obbiettivi ai quali aspira. Tra le piattaforme più usate per controllare vendite, margini e esperienza di acquisto degli utenti oltre a molti altri parametri troviamo ancora una volta Google Analytics. Nonostante il proliferare di piattaforme che offrono strumenti di misurazione, senza dubbio Google si è aggiudicato il ruolo di leader indiscusso.

Infine un ultimo punto da considerare è che i dati non sempre rispecchiano per completo l’esperienza d’acquisto degli utenti: predisporre sul proprio sito ecommerce un sistema per raccogliere le opinioni dei clienti può essere di vitale importanza soprattutto per raccogliore tutti quei suggerimenti che permettono di rendere la pagina user friendly e di dimostrare agli utenti che la loro opinione conta.

La diffusione di Internet e delle possibilità d’acquisto ha spinto molte PMI a pensare alla digitalizzazione grazie all’apertura di un ecommerce.Le PMI possono contare durante questo processo con variMaggiori informazioni

Come vendere i tuoi prodotti artigianali online

La creazione di oggetti fatti a mano richiede una buona dose di pazienza, passione e cura dei dettagli. La produzione materiale, però, rappresenta solo la parte iniziale del processo globale. Dopo aver ultimato la produzione manuale, arriva il momento di proporre sul mercato ciò che si è realizzato. Una volta trovato uno spazio adeguato per la presentazione al pubblico dei prodotti, per esempio su una bancarella o in un negozio, è necessario che l’interazione con l’acquirente sia positiva. Bisogna sempre dare un’ottima impressione anche di sé, oltre che dei propri prodotti. Per chi decide di vendere online, la dinamica fino ad ora descritta rimane la stessa.

Impara a conoscere le piattaforme online

Prima di tutto, è importante capire su quale sito sia più conveniente presentare il tuo prodotto: cerca di sceglierne uno che sia in linea con gli articoli da te creati. Un’alternativa è quella di vendere direttamente sul tuo e-commerce: potrai raggiungere più rapidamente i tuoi potenziali clienti. Inoltre, è una buona idea quella di mostrare il tuo lavoro in un contesto, per esempio, un gioiello può sembrare più bello se viene messo accanto ad altri oggetti pregiati, posizionati in modo accurato. Naturalmente, puoi sempre vendere su molti siti, ma è meglio stabilire delle priorità e scegliere solo quelli che realmente rispecchiano il tuo modo di lavorare.

Cura la qualità delle foto

Le immagini aiutano a presentare meglio i prodotti che desideri vendere. Ti consigliamo quindi di dedicare del tempo alla presentazione visiva. Puoi affidare gli scatti a dei fotografi professionisti o realizzarli tu stesso, l’importante è che le foto non siano sfocate e che abbiano una buona illuminazione. Devono avere un aspetto molto professionale e moderno. Per dare all’acquirente una visione completa dell’oggetto presentato è meglio fotografarne tutti i lati e cercare di rendere visibile il materiale di cui è costituito. Ricorda che un’immagine vale più di mille parole.

Impara a venderti bene

Presentare i tuoi prodotti sul web non sempre è sufficiente per venderli con successo.  I tuoi potenziali clienti devono potersi fidare di te, per questo devi cercare di crearti una buona reputazione, anche online. Essere presente sui social come Facebook o Instagram può aiutarti ad entrare in contatto con gli acquirenti e anche con altri venditori. Anche la creazione di un blog dove pubblicare aggiornamenti sulla tua attività o sul mondo dell’artigianato in generale può essere un ottimo metodo per farti conoscere al pubblico.

Per spedire i prodotti venduti puoi affidarti a Packlink, compara tra i servizi di vari corrieri espressi e invia i tuoi articoli artigianali al miglior prezzo!

La creazione di oggetti fatti a mano richiede una buona dose di pazienza, passione e cura dei dettagli. La produzione materiale, però, rappresenta solo la parte iniziale del processo globale. Dopo aveMaggiori informazioni

Come vendere sul tuo blog

Il mercato dell’artigianato cresce ogni giorno e clienti da tutto il mondo vogliono acquistare manufatti unici da artigiani indipendenti e ricchi di talento. Se vuoi trasformare il tuo hobby in un’attività redditizia, avrai probabilmente già valutato vari modi di vendere i tuoi lavori online – ma sapevi di poter creare un negozio online direttamente dal tuo blog?

Un blog: una valida alternativa ai marketplaces

Piattaforme di scambio come eBay o Etsy sono un ottimo punto di partenza per gli artigiani che desiderano vendere i propri prodotti, ma limitano il controllo dei venditori. Innanzitutto, le tariffe fisse per ogni vendita sono da detrarre dal tuo margine di profitto, inoltre il design delle vetrine online è molto limitato e non permette di creare belle pagine dedicate ai prodotti che riflettano la tua personalità.

Dovresti invece considerare la possibilità di vendere online direttamente tramite il tuo blog che già da solo può caratterizzare in modo importante le tue creatività. Avrai più controllo sul modo di presentare i tuoi prodotti e non dovrai sacrificare una percentuale di ogni vendita.

I migliori plugin WordPress per l’ecommerce

WordPress è una piattaforma di blogging incredibilmente potente che puoi trasformare in un negozio online efficiente e accattivante usando alcuni fantastici plugin per l’ecommerce. WooCommerce è un ottimo esempio: è gratuito, avanzato e ha molte estensioni che ti permettono di personalizzare il tuo store in funzione dei tuoi prodotti e del tuo modello di business.

Se preferisci fare le cose in maniera più semplice, WP eCommerce è ancora più facile da impostare, ma molto personalizzabile sia nell’HTML che nel CSS per rendere il tuo store assolutamente unico. Se preferisci partire da qualcosa di piccolo e man a mano espandere le funzionalità del tuo store, prova Ecwid. Questo plugin è pensato per rendere semplice l’aggiunta di uno store a qualunque tipo di sito, e migrare in futuro lo stesso formato ad altri siti. Ha anche un’app per smartphone che si sincronizza con l’inventario del tuo store online, ottimo per artigiani che vendono spesso a fiere e manifestazioni.

Risparmia sulla spedizione dei tuoi prodotti artigianali

Una delle spese maggiori per i rivenditori online è la spedizione dei prodotti, quindi dovrai pensare alle tariffe di spedizione quando prepari il tuo store online. Packlink ti permette di confrontare diversi spedizionieri e scegliere il migliore a seconda del tuo budget e delle tue esigenze. È facile da usare e permette ai tuoi clienti di approfittare delle migliori tariffe disponibili.

Il mercato dell’artigianato cresce ogni giorno e clienti da tutto il mondo vogliono acquistare manufatti unici da artigiani indipendenti e ricchi di talento. Se vuoi trasformare il tuo hobby in un’attMaggiori informazioni

Guida per iniziare a vendere su Etsy

Se sei un rivenditore di qualsiasi genere di oggetti fatti a mano, prodotti da bagno, arte, fotografia o gioielli, non vorrai perderti le opportunità offerte dai 54 milioni di membri di Etsy. In qualche modo, la vendita su Etsy è simile ai sistemi di e-commerce come eBay, ma allo stesso tempo ha le proprie complessità e requisiti che essere un venditore comporta.

Quindi, come avviarsi sulla piattaforma? Ecco alcuni semplici passi per aiutarti ad iniziare.

Cosa stai vendendo?

Dovresti avere la consapevolezza sia di cosa esattamente includa la tua linea di prodotti, sia del mercato che essa mirerà ad avere come target sul sito. Etsy è ricco di commercianti che vendono prodotti molto simili, quindi se non possiedi qualcosa che ti distingua dalla massa o che abbia un fattore di differenziazione in termini di qualità o prezzo, potrebbe essere difficile farsi notare.

Fotografie favolose

Forse anche più delle piattaforme di e-commerce convenzionali, Etsy pone una grande enfasi sulle accattivanti fotografie degli oggetti. Naviga un po’ sul sito e noterai che è stato impiegato del tempo al fine di presentare i prodotti sotto la migliore luce possibile. Se le tue foto non competono con le altre, avrai una minore possibilità di invogliare i clienti a fare acquisti. Non avrai bisogno di una galleria enorme, ma ogni prodotto dovrà essere ben presentato.

Il prezzo conta

Devi affrontare una decisione importante quando si tratta di dare un prezzo ai tuoi oggetti. Fallire nell’impostare la tua fascia di prezzo correttamente potrebbe vedere i tuoi clienti sottratti da un concorrente che stabilisce prezzi più competitivi, o potrebbe farti perdere potenziali profitti. Dai un’occhiata alla utile guida di Etsy per la determinazione del prezzo dei tuoi prodotti qui (https://www.etsy.com/seller-handbook/article/a-simple-formula-for-pricing-your-work/26192517008).

E non dimenticare…

Prima di iniziare, avrai bisogno di scegliere il ‘nome del negozio’ Etsy, ovvero il modo in cui il sito caratterizza i propri venditori. Dovrebbe essere facile da ricordare, ma allo stesso tempo dovrebbe collegarsi in qualche modo al tipo di prodotti che starai vendendo. L’attenzione andrebbe anche rivolta alla scelta di una foto profilo e un banner, che accoglierà i clienti quando navigheranno sulla tua pagina.

Spedizioni

Una volta che avrai compreso come vendere su Etsy, varrà anche la pena fare un controllo approfondito sulle norme di spedizione di Etsy prima di cominciare, allo scopo di capire i tuoi obblighi e come attrarre clienti internazionali.

Puoi utilizzare Packlink per spedire i tuoi oggetti e trarre vantaggio da un sito di confronto prezzi di spedizione che compara i prezzi dei più importanti corrieri al mondo, offrendo una percentuale di sconto dal 50 al 70% rispetto ai prezzi pubblici dei corrieri, in modo tale da permetterti di risparmiare sulle tue spedizioni.

Se sei un rivenditore di qualsiasi genere di oggetti fatti a mano, prodotti da bagno, arte, fotografia o gioielli, non vorrai perderti le opportunità offerte dai 54 milioni di membri di Etsy. In qualcMaggiori informazioni

6 semplici consigli per vendere su eBay

eBay è uno dei primi mercati online, con l'intermediazione di milioni di transazioni ogni giorno e la prima scelta di qualsiasi utente che voglia acquistare o vendere qualcosa online. Ma come inizi a fare una fortuna vendendo su eBay? Quanto è difficile? Quanto puoi guadagnare?

Ecco alcuni suggerimenti su come iniziare a vendere su eBay:

Raccogli oggetti

Scegli il tipo di cose che vuoi vendere. Non devono essere oggetti simili, eBay è perfetto per gli acquisti una tantum, ma i clienti preferiscono gli store che hanno senso, quindi se hai intenzione di vendere a tempo pieno, dovresti pensare a un tema per il tuo.

Crea un elenco di elementi

Gli annunci sono la tua opportunità per mostrare i benefici del tuo prodotto ai clienti. Spiegare le loro caratteristiche e il modo in cui possono migliorare le loro vite sono buoni modi per attirare la loro attenzione. Puoi aggiungere fino a 12 foto al tuo annuncio gratuitamente, più lo posizioni e più opportunità di vendita avrai.

Scegli il prezzo

La regola numero uno di eBay è quella di scegliere un prezzo fisso per i prodotti comunemente venduti e di utilizzare invece le aste per le offerte speciali o super speciali. Tuttavia, non sono regole incise nella pietra. Se vendi oggetti fatti a mano, puoi scegliere un prezzo fisso per garantire il denaro che meriti.

Trova la migliore opzione di spedizione

Puoi utilizzare i servizi di posta standard, ma non dimenticare di valutare altre alternative. Ci sono servizi di corriere urgenti che offrono servizi veloci ed economici, e Packlink può confrontare prezzi e servizi. Il sito offre un servizio di confronto molto utile che ti dà l'opportunità di usufruire di sconti tra il 50 e il 70% con le migliori e-mail. I clienti apprezzano sempre un servizio di spedizione di qualità.

È tempo di pubblicare la lista!

Clicca su "Metti in vendita" ed è fatta! Gli annunci sono gratuiti, eBay addebiterà la tua percentuale sulla vendita solo una volta completata la transazione.

Invia l'articolo

Vuoi clienti soddisfatti? Quindi, conferma di aver ricevuto il pagamento, inviare un commento positivo e inviare immediatamente il prodotto.

eBay è uno dei primi mercati online, con l'intermediazione di milioni di transazioni ogni giorno e la prima scelta di qualsiasi utente che voglia acquistare o vendere qualcosa online. Ma come inizi aMaggiori informazioni

Come vendere su eBay

eBay è un ottimo sito per riuscire a guadagnare qualcosa da oggetti che non vuoi più, ma devi usarlo bene per ottenere i migliori risultati. Qui di seguito riportiamo alcuni consigli per una vendita efficace:

Includi sempre delle foto

Le immagini aumentano le probabilità di vendita a un buon prezzo e le probabilità di vendita stesse. Ti consigliamo di inserirle sempre quando metti in vendita  un articolo. Fotografa sempre i tuoi articoli, non usare immagini di altri articoli identici. Dà fastidio ai clienti e può sembrare poco onesto.

Fotografa l’articolo in un luogo ben illuminato e su una superficie sgombra. Le fotografie fatte su un telo bianco pulito con una buona luce naturale funzionano bene. Verifica che le immagini non siano sfocate e che non vi siano aree troppo luminose che possano oscurare l’articolo che vuoi vendere.

Fotografa anche tutti i difetti, così i clienti non si sentiranno ingannati, non ti chiederanno rimborsi né ti lasceranno feedback negativi (quest’ultimo evento potrebbe allontanare le persone dalle tue altre aste).

Regola bene le tempistiche

Organizza sempre delle aste dalla durata di 10 giorni. Questo dà ai potenziali offerenti più tempo per vedere ciò che hai in vendita. Fai molta attenzione a quando termina l’asta.

Il peggior momento per la conclusione di un’asta è probabilmente lunedì mattina, quando poche persone sono presenti per notare che la tua asta sta per concludersi. La maggior parte dei venditori reputa che il tardo pomeriggio della domenica sia l’opzione migliore, probabilmente intorno alle 18:30, quando sono presenti più persone a casa a navigare in rete. Prova ad esempio ad inserire i tuoi articoli in un’asta di 10 giorni nel tardo pomeriggio dei giovedì, così che si concludano nella sera della domenica.

Dai peso al momento dell’anno in cui gli articoli saranno venduti con più facilità.

Quando vendi su eBay puoi cercare di far creare diverse offerte. Questo è il modo principale per far salire rapidamente il prezzo finale del tuo articolo alla fine del periodo dell’asta, dato che almeno due persone lo vogliono! È l’aspetto delle aste che incoraggia i potenziali clienti ad alzare la posta un po’ più di quanto credevano fosse il loro massimo, per evitare di perdere l’articolo. Quindi imposta sempre una bassa offerta iniziale per far sì che molte persone vengano coinvolte sin dall’inizio.

Puoi valutare il possibile interesse e i prezzi finali cercando su eBay aste già concluse con articoli simili ai tuoi. In questo modo, potrai decidere quale potrebbe essere una buona offerta iniziale e anche se sarebbe meglio utilizzare un’altra piattaforma sulla rete per vendere il tuo articolo, in particolar modo se hai già un prezzo minimo in mente.

eBay è un ottimo sito per riuscire a guadagnare qualcosa da oggetti che non vuoi più, ma devi usarlo bene per ottenere i migliori risultati. Qui di seguito riportiamo alcuni consigli per una vendita eMaggiori informazioni

Dove posso vendere i miei oggetti online?

Per un venditore principiante, iniziare a vendere su internet può causare un po’ di confusione. Se ti stai chiedendo come fare soldi vendendo le tue cose online, ecco alcuni consigli per iniziare:

Ebay

Fotografa i tuoi oggetti, scegli una categoria, scrivi una descrizione e lascia che gli utenti eBay puntino su di essi. Con PayPal, i pagamenti sono assicurati.

Etsy

Se vuoi vendere un oggetto fatto su misura o artigianale, specialmente uno prodotto da te, Etsy potrebbe essere il posto perfetto. È pieno di stupendi oggetti fatti a mano che non si trovano nei negozi. Chatta via messaggio privato con i clienti per dar loro un prodotto unico.

Facebook

Sì, il leviatano dei social media è anche un posto fantastico per vendere oggetti. Unisciti a un gruppo specifico, o un gruppo di compravendita, e posta i tuoi oggetti insieme a una breve descrizione. Altri appassionati accorreranno per approfittare dell’affare.

Amazon

Il negozio più grande di internet è ora felice di proporsi come intermediario per le tue vendite. In alcuni casi compreranno gli oggetti da te, o puoi scegliere di venderli tu stesso.

Il negozio più grande di internet è ora felice di proporsi come intermediario per le tue vendite. In alcuni casi compreranno gli oggetti da te, o puoi scegliere di venderli tu stesso.

Preloved

Una sorta di versione online degli annunci di vendita sui giornali, gli utenti mettono in vendita oggetti di seconda mano di cui desiderano disfarsi, definendo i prezzi e aggiungendo delle fotografie. Un sistema di messaggi consente ai compratori di contattare i venditori senza dover condividere il proprio indirizzo email.

Naturalmente, una volta venduto tutto il tuo inventario, è importante tenere in piedi il tuo business e trovare i modi più economici per spedire gli oggetti ai clienti. Ecco dove entra in scena Packlink. Il nostro sito è perfetto per coloro che indulgono nelle vendite online, e ti permette di confrontare il prezzo di alcuni tra i migliori corrieri nel mondo. Packlink lavora insieme a queste società per consegnare i tuoi oggetti in tutto il mondo, offrendoti sconti fino al 70% rispetto ai prezzi ordinari del corriere. Risparmiare sulle spedizioni è semplice con Packlink.

Per un venditore principiante, iniziare a vendere su internet può causare un po’ di confusione. Se ti stai chiedendo come fare soldi vendendo le tue cose online, ecco alcuni consigli per iniziare:EbayMaggiori informazioni