Coronavirus: quali misure vengono adottate dai corrieri per prevenire l’infezione?

Compagnie di trasporto e Covid-19

Una delle principali conseguenze dello stato di allarme dichiarato in Italia è la limitazione di circolare liberamente per strada. Anche se l’acquisto di cibo e medicinali è una delle eccezioni ammesse dal governo, dobbiamo effettuare queste commissioni solo in caso di reale necessità.

Oltre al cibo e alle medicine, ci sono altri tipi di prodotti utili, che fanno parte della nostra quotidianità. Possono non essere vitali, ma sono fondamentali e c’è bisogno di un’infrastruttura che ne garantisca il continuo approvvigionamento.

Il commercio online sta diventando un grande alleato durante la pandemia COVID-19. In questo scenario, giocano un ruolo particularmente importante i servizi di consegna a domicilio. In realtà, questo settore sta vivendo un momento storico, con picchi di domanda molto elevati. Il Coronavirus ha cambiato il consumo online, sia nel modo in cui riceviamo i nostri acquisti che nel modo in cui vengono consegnati.

Questi cambiamenti sono dovuti a una situazione che non possiamo dimenticare: anche se sappiamo ancora molto poco del virus, ciò che è stato dimostrato è che si trasmette tramite contatto. In questo senso, i settori della logistica e dei trasporti sono esposti quotidianamente a situazioni di rischio. I gruppi più sensibili sono:

  • » Lavoratori che effettuano servizi di trasporto merci alle aziende e che devono consegnare alle loro strutture.
  • » Qualsiasi dipendente che svolga attività in aree con un elevato numero di persone.
  • » Fattorini che consegnano merci a domicilio.

Anche i clienti sono esposti al Coronavirus. Infatti, sia le aziende che i singoli acquirenti che aprono la porta per ricevere i loro ordini si espongono inevitabilmente ad alcuni rischi.

Pertanto, le aziende del settore dei trasporti e della logistica hanno avviato e attuato una serie di misure per proteggere sia il personale addetto alla consegna dei pacchi che i clienti che continuano ad affidarsi ai loro servizi.

L’obiettivo: garantire la continuità di un business necessario nei momenti che stiamo vivendo, ma con la sicurezza come priorità di ogni gestione svolta.

Nuove linee guida adottate dalla logistica per fermare la diffusione del COVID-19

Noi di Packlink, naturalmente, mettiamo la salute prima di tutto, quella dei nostri clienti e quella dei vettori con cui lavoriamo, perché consideriamo la sicurezza una delle nostre priorità.

Condividiamo con voi le nuove misure che le aziende di trasporto hanno adottato per combattere la diffusione del Coronavirus secondo le linee guida del governo.

Uno dei primi ad iniziare ad attuare i cambiamenti è stato l’operatore postale Poste Italiane. Oggi fornisce solo servizi postali essenziali con orari ridotti che variano a seconda del volume di abitanti di ogni Comune.

Per quanto riguarda le consegne a domicilio, Poste Italiane ha annunciato che rispetterà tutte le linee guida di prevenzione che le Autorità Sanitarie hanno imposto, al fine di contribuire a fermare la diffusione del Coronavirus.

Pertanto, tutte le lettere e i pacchi (compresi i certificati) saranno preferibilmente consegnati alla cassetta postale. Se ciò non è possibile, verrà effettuato direttamente a casa del destinatario, ma non sarà richiesta la firma che verrà apposta direttamente dal fattorino.

I lavoratori del gruppo hanno ricevuto tutto il materiale necessario per la loro protezione. I dipendenti degli uffici eseguono tutte le procedure con guanti e maschere, e all’interno delle strutture, i clienti devono rispettare una distanza minima di 1,5 m, sia con i lavoratori che con gli altri clienti.

Nel caso dei fattorini che consegnano per strada, devono indossare sempre i guanti durante la consegna alla cassetta delle lettere, nel caso sia necessario andare alla porta di casa, devono anche indossare una maschera.

Anche il resto delle società di trasporto che attualmente operano in Italia sono state rapide nell’attuare una serie di misure per prevenire la diffusione del virus durante le operazioni di consegna a domicilio. Queste sono le linee guida che segnano il protocollo d’azione:

  • » Prima della consegna, il personale addetto deve utilizzare gel disinfettante, guanti e indossare una maschera. Si raccomanda inoltre di non togliersi il casco per proteggere il più possibile le vie aeree.
  • » Quando il cliente apre la porta si deve evitare ogni tipo di contatto: non è richiesta alcuna firma alla consegna dell’ordine e deve essere sempre mantenuta una distanza minima di 2 metri.
  • » Una volta alla porta, si evita di suonare il campanello e si lascia il pacco sul pavimento.
  • » Se possibile, chiamare il cliente al citofono per annunciare l’arrivo del pacchetto.

Infine, dovete sapere che, al di là di queste misure, le indicazioni di contenimento COVID-19 non influiscono oggi sul traffico merci, quindi i servizi continueranno a funzionare come sempre. Vi preghiamo di controllare il nostro Portale di Aiuto per verificare come sia esattamente la situazione nella vostra area postale, poiché anche se i ritiri e le consegne non vengono interrotti, potrebbero essere ritardati rispetto ai normali livelli di servizio.

E ricorda #iorestoacasa

Compagnie di trasporto e Covid-19Una delle principali conseguenze dello stato di allarme dichiarato in Italia è la limitazione di circolare liberamente per strada. Anche se l’acquisto di cibo eMaggiori informazioni