Come organizzare traslochi internazionali e nazionali

Il trasloco è una delle attività più stressanti e che possono mettere a dura prova una famiglia. Traslochi internazionali e nazionali comprendono una lunga serie di impegni, uno grosso sforzo organizzativo e anche costi non trascurabili, che possono comunque essere in parte abbattuti. Ti diamo di seguito una serie di consigli per rendere il tuo trasloco meno stressante, più efficiente e soprattutto più economico.

Organizza per tempo il tuo trasloco

I traslochi, come purtroppo tutti sanno, sono stressanti. Richiedono organizzazione, fatica, pulizie e un sacco di responsabilità. Per ridurre al minimo l’impatto di tutti gli aspetti meno piacevoli del trasloco, la cosa migliore è darsi tempo e pianificare il tutto con largo anticipo. Il tempo minimo che ti consigliamo è di due mesi di anticipo, sia che tu debba spostarti un una nuova casa all’estero, sia che si tratti ad esempio di un piccolo trasloco a Roma o comunque nella tua stessa città.

È importante quindi iniziare a stilare il prima possibile un inventario delle cose da dover traslocare, in modo da sapere esattamente quanti e quali oggetti dovranno essere impacchettati. Questo ti consentirà da un lato di iniziare a impacchettare alcuni oggetti con largo anticipo, dall’altro di poter iniziare a chiedere preventivi alle ditte di trasloco e confrontare i loro prezzi.

Una volta fatto l’inventario delle cose da spedire, inizia sgombrare prima gli armadi, poi il garage e infine gli altri oggetti presenti nelle stanze, individuando tutti gli oggetti che non dovrai traslocare. Questi oggetti potrai a seconda del caso rivenderli, cestinarli o donarli in beneficenza.

Sbriga le pratiche per lasciare la vecchia casa ed entrare in quella nuova

Anche per un trasloco locale, nella tua stessa città, a Roma, a Milano o comunque sul territorio nazionale, ci sono molte pratiche da sbrigare: il trasferimento della residenza, del medico, la chiusura delle utenze (luce, gas, acqua, linea telefonica, ecc.), avvisare tutte le persone che dovranno essere informate (compresi vicini, eventuali amministratori di condominio, ecc.). Parallelamente dovrai organizzare l’ingresso nella nuova abitazione: dovrai quindi riattivare le utenze o fare le necessarie volture, ottenere le chiavi, organizzare le pulizie ed eventuali lavori di manutenzione o riparazione per fare in modo che la casa sia subito abitabile.

Scegli il la ditta di trasloco o il corriere

Una volta che hai realizzato l’inventario degli oggetti da traslocare, potrai iniziare a contattare le varie ditte di trasloco in modo da poter avere preventivi il più possibile accurati, che si basano di norma sul volume degli oggetti e dei pacchi da traslocare e del tempo necessario a spostarli. Dovrai quindi misurare gli oggetti più grandi da traslocare per calcolarne il volume e stimare poi il numero delle scatole che ti serviranno e prenderne le misure, così che le ditte di trasloco possano fornirti preventivi con buona precisione.

Soprattutto quando si trasloca all’estero, è bene scegliere di portare con sé gli oggetti davvero necessari, senza quindi dover spostare mobili o altri oggetti d’arredamento in modo da poter ottimizzare le fatiche e i costi del trasloco. Questo vale a maggior ragione se ti trasferirai in una casa in affitto già ammobiliata, per cui il trasloco diventa una operazione più leggera. In questo caso può essere più conveniente effettuare un trasloco internazionale avvalendosi di un corriere, spesso più specializzati ed economici nella spedizione e consegna di semplici pacchi. I vantaggi sono molteplici:

1) Le tariffe dei corrieri possono essere confrontate con un semplice click.

2) Le spedizioni possono essere prenotate e acquistate online.

3) Possibilità del ritiro dei pacchi a domicilio e della consegna direttamente presso la nuova abitazione.

Corrieri internazionali come TNT, Starpack e UPS hanno spesso tariffe vantaggiose per l’invio di pacchi o spedire pallet all’estero. Nel caso di spedizioni di pacchi pesanti e voluminosi, come succede spesso quando si trasloca all’estero, anche il corriere Artoni offre interessanti opzioni per le spedizioni internazionali.

Impacchettamento degli oggetti da spedire con il trasloco

Infine, negli ultimissimi giorni che precedono la partenza, procedi con l’impacchettamento degli oggetti realmente utili, di cui non potrai fare a meno nella vita quotidiana. Il consiglio, in questo caso, è di cercare di imballare in anticipo più cose possibile, in quanto con ogni probabilità scoprirai che quelle davvero utili nella vita quotidiana sono pochissime e che potrai pertanto imballare in anticipo almeno il 90% degli oggetti che spedirai per il trasloco.

È importante anticipare la scelta dei materiali da imballaggio per il trasloco, in maniera da assicurare il corretto trasporto dei vostri oggetti, senza urti e rotture. Per risparmiare, puoi consultare diversi siti internet specializzati nella vendita di scatole per oggetti da trasloco e fare un unico acquisto di tutte le scatole e materiali, in modo da ottimizzare anche i tempi.

A meno che tu non ti affidi ad un servizio di imballaggio professionale, ti consigliamo di iniziare a preparare i primi pacchi almeno due settimane prima della data del trasloco. Inizia con gli oggetti meno essenziali o meno utilizzati, come libri, abbigliamento fuori stagione, attrezzatura sportiva, ecc. Importante è in questa fase applicare etichette alle scatole per conoscere nel dettaglio il loro contenuto (in modo da non doverle riaprire poco prima della partenza) e fare una lista di tutti gli oggetti che sono stati imballati.

Il trasloco è una delle attività più stressanti e che possono mettere a dura prova una famiglia. Traslochi internazionali e nazionali comprendono una lunga serie di impegni, uno grosso sforzo organizzMaggiori informazioni